Punta Ala Polo Cup: prima giornata da spettacolo | MaremmaOggi Skip to content

Punta Ala Polo Cup: prima giornata da spettacolo

Nonostante un pomeriggio caldo e afoso, centinaia di persone hanno assistito alle prime competizioni
Un momento delle semifinali della Punta Ala Polo Cup
Una foto durante una gara del 15 settembre

PUNTA ALA. Grande entusiasmo per la prima giornata della Polo Cup. Sul rinnovato prato del campo di Punta Ala (ridotto per le partite a 270 metri per 150 metri), centinaia di persone hanno assistito alle prime competizioni, nonostante il pomeriggio caldo e afoso.

Nella prima sfida di ieri, 15 settembre, il Podernuovo ha battuto la squadra romana di Battistoni per 5 goal a 4 ½, con la fida che è ha visto in vantaggio sempre Pordenuovo, anche se per il gioco degli handicap Battistoni aveva iniziato con mezzo punto di vantaggio. Nel secondo “chukker”, le partite della Polo Cup si giocano su quattro tempi da 7 minuti ognuno, un serio infortunio è capitato a un cavaliere di Battistoni (problema ad una costola dopo una caduta), che è stato sostituito e nel finale la squadra ha rimontato, ma Pordenuovo ha resistito.

Nella seconda sfida il grande equilibrio a suon di gol, con le due squadre che non si sono risparmiate. Alla fine l’ha spuntata l’Us Polo per 8 ½ a 7 sull’Hotel Gallia.

Un momento della partita

I risultati di ieri della prima giornata della Polo Cup Punta Ala

Podernuovo – Battistoni 5-4½

Podernuovo Polo Team (maglia verde): Felix Baguera (Arg, hp 5), Martin Magal (Svk, hp 0), Goffredo Cutinelli Rendina (Ita, hp 3), Elser Lavina (Usa, hp 0).

Battistoni Polo Team (maglia bianca e rossa): Romain henry (Fra, hp 0), Luis Bermengui (Arg, hp 3), Pedro Alejandro Soria (Arg, hp 0), Pedro Lucio Soria (Arg, hp 4).

Us Polo Team – Hotel Gallia 8½-7

Us Polo Team (maglia gialla): Riccardo Paganelli (Ita, hp 0), Patricio Rattagan (Arg, hp 4), Bautista Fanelli (Arg, hp 3), Nacho Elia (Arg, hp 0).

Hotel Gallia (maglia blu): Alexander Aggravi (Ita, hp 0), Sandra Shneider (Ger, hp 0), Walter Cortez (Arg, hp 3), Pedro Fernandez Llorente (Arg, hp 5).

Oggi, 16 settembre, le semifinali

Alle 17 scendono in campo le vincenti della prima giornata: Podernuovo Polo Team vs Us Polo Polo Team. Alle 18 sarà la volta di Battistoni Polo Team vs Hotel Gallia Polo Team.

Le regole del Polo

Ogni squadra è composta da 4 giocatori, chiamati cavalieri (uomini) o amazzoni (donne). Le partite vengono arbitrate da giudici a cavallo (“arbitri”) e da un terzo giudice di linea, che osserva la partita da una torretta centrale e interviene in caso di disaccordo tra gli arbitri in campo.

L’abilità dei giocatori si misura con una scala di valori che va da -2 a 10: questi valori sono chiamati handcaps (hp) e sono calcolati sulla base dei criteri specifici di ciascuna federazione nazionale. Il campo di gara ha una lunghezza massima di 275 metri, un minimo di 230 metri, una larghezza massima di 180 metri e un minimo di 146 metri. Le porte, larghe 8 metri, sono costituite da due pali alti tre metri costruiti con materiali leggeri per non danneggiare giocatori e cavalli.

La palla è in legno con un diametro massimo di 9 cm e pesa circa 130 gr.

Una foto durante una delle partite del 15

Lo scopo del gioco è segnare il maggior numero di gol: per essere considerato valido serve che il cavaliere spinga la palla tra i pali della porta.

Per correttezza, le squadre cambiano lato del campo ogni volta che viene segnato un gol. Una partita dura da quattro a otto tempi (chukker), stabiliti prima di ogni partita, di sette minuti effettivi ciascuno con intervalli da tre a cinque minuti per consentire ai giocatori di cambiare cavallo.

La fine di ogni tempo è segnalata dal suono di una campana o di un corno. Se la palla è ancora in gioco al momento del suono della campana, è consentito continuare per altri 30 secondi al suono di una seconda campana, a meno che non intervenga un fattore di interruzione del gioco (goal, fallo, palla che fuoriesce dal campo di gioco) che decreta il fine dei tempi.

Alla fine della partita, se il risultato è nullo, il gioco continua fino a quando una delle squadre segna un gol.

Le regole di comportamento

 Essendo uno sport pericoloso, esistono delle regole che controllano il comportamento dei cavalli e dei cavalieri sul campo, volte ad evitare e limitare eventuali incidenti durante le partite e ad assicurare la massima correttezza e sicurezza nel campo di gara. I falli sono severamente puniti assegnando il tiro alla squadra avversaria nello stesso punto in cui è stata commessa l’infrazione. Dopo essere stata lanciata, la palla traccia una linea immaginaria che i giocatori non possono oltrepassare. Solo il giocatore che ha appena lanciato la palla, e chi segue la sua linea, ha il diritto di precedenza sugli altri giocatori.

Uno dei momenti durante la gara del 15

È inoltre vietato rischiare di far cadere o inciampare un cavallo. Tentare di prendere possesso della palla passando la stecca sotto il collo davanti alle gambe del cavallo è un’altra azione severamente proibita. Allo stesso modo non è consentito prendere la mazza di un avversario mentre il suo braccio è sopra la spalla o mentre non è nell’azione di lancio della palla.

È vietato zigzagare davanti a un avversario. Escludendo gli inevitabili contatti con l’avversario, tutte le azioni che non rispettano lo spirito sportivo del gioco, il punteggio brutale, la scorrettezza e l’intimidazione sono bandite e costituiscono una violazione delle regole.

Le regole di questo sport sono molto simili a quelle del calcio, con una grande differenza: nel Polo non c’è fuorigioco. Un giocatore smontato non può rientrare in gioco. Un giocatore può ricevere un aiuto esterno durante una partita per cambiare cavallo, per cambiare la stecca o l’imbracatura del cavallo, ma tutto questo deve essere fatto senza interrompere il gioco. 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected