Pole, Alessandra sul tetto del mondo | MaremmaOggi Skip to content

Pole, Alessandra sul tetto del mondo

Secondo gradino del podio ai campionati mondiali in Finlandia per l’insegnante della Fight Gym. La grossetana Sara Rustici conquista il sesto posto
A sinistra, Alessandra Rustici vice campionessa mondiale di pole sport

GROSSETO. Ore di allenamento, di sudore e di fatica. Ma anche ore passate a studiare coreografie, a mettere insieme le figure, a creare l’incanto. Ore che hanno portato due atlete della Fight Gym, sul tetto del mondo. 

Alessandra e Sara Rustici sono le due grossetane che hanno passato le selezioni e hanno gareggiato al Campionato mondiale di pole sport, in Finlandia

Due grossetane sul tetto del mondo

È stata un’emozione indescrivibile non solo per le atlete che sono salite sul palco ma anche per le ragazze che hanno seguito la manifestazione dall’Italia.

Sara Rustici durante la gara ai mondiali di pole sport in Finlandia
 Alessandra Rustici e Sara Rustici non hanno soltanto partecipato ai mondiali di Pole Sport a Jyväskylä in Finlandia, ma hanno anche conquistato la giuria. Sara Rustici si è classificata sesta nel mondo nella categoria Amateur Senior mentre Alessandra Rustici è vice campionessa mondiale. Alessandra ha portato i colori dell’Italia e quelli della Fight Gym, sul secondo gradino del podio, dietro agli Usa e davanti alla Finlandia nella categoria Competitive Master +50. 
Alessandra Rustici durante la gara ai mondiali in Finlandia
 
Indescrivibile l’emozione delle due atlete e quella delle tante donne e ragazze che praticano la pole alla palestra di Grosseto.
 
«Una data che ricorderemo tutte noi – dicono – Una data in cui la nostra Alessandra Rustici partendo dalla palestra PoleFight Grosseto è andata a prendersi un argento ai mondiali di pole sport. Un secondo posto tra le grandi del mondo. In questo che è uno sport a tutti gli effetti dove si fatica, si piange, si dà tutto, dove non c’è eco mediatico ma solo quello delle compagne che si fanno sentire a chilometri di distanza. Come una leonessa, la Rustici ha fatto un capolavoro». 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati