Picchia e minaccia di morte la moglie per 10 anni | MaremmaOggi Skip to content

Picchia e minaccia di morte la moglie per 10 anni

Marito violento patteggia 1 anno e 6 mesi: dovrà intraprendere un percorso di recupero in un centro per uomini violenti. Lui le ha scritto una lettera di scuse
Picchia e minaccia di morte la moglie per 10 anni
Picchia e minaccia di morte la moglie per 10 anni

GROSSETO. Per 10 anni l’ha tenuta soggiogata, l’ha minacciata di morte, accusandola di avere relazioni extraconiugali. L’ha fatta dormire sul divano, dopo l’ennesima lite, salvo poi costringerla ad andare di nuovo nel letto coniugale per continuare ad offenderla. 

Per 10 anni, la donna assistita dall’avvocata Laura Pastorelli, ha subito le continue violenze da parte del marito. Fino a quando non ce l’ha fatta più e ha deciso di querelarlo. 

Di fronte alla giudice Cecilia Balsamo, un 54enne grossetano, difeso dall’avvocato Alberto Bancalà, ha patteggiato un anno e sei mesi. La giudice ha disposto che l’uomo partecipi a un percorso di recupero per uomini violenti in un centro specializzato. 

Le scrive una lettera di scuse

Patteggiamento, quello che chiesto dall’uomo alla giudice, che è stato concesso dopo che aveva scritto alla sua ex una lettera di scuse

Dal 2013, la coppia aveva passato momenti di alti e bassi, provocati soprattutto dalla gelosia dell’uomo, che era convinto che la moglie lo tradisse. La situazione era precipitata nel settembre del 2023 quando l’uomo, alle minacce di morte, l’aveva anche picchiata più volte. «Io ti ammazzo, se mi fai passare i guai ti levo dal mondo», era una delle frasi ricorrenti, pronunciata dal marito nei confronti della donna. 

Parole che aveva pronunciato mentre la prendeva per il collo, al culmine di una lite scoppiata in auto. 

Altre volte invece l’aveva colpita con pugni e schiaffi alla testa. Violenza che ogni volta scoppiava sempre perché lui era convinto che lo tradisse. La coppia, alla fine si è ritrovata in tribunale dove l’uomo ha chiesto e ottenuto il patteggiamento. 

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati