Piazze d'Europa, sarà un'edizione da record | MaremmaOggi Skip to content

Piazze d’Europa, sarà un’edizione da record

Molti i paesi presenti con tutti i prodotti tipici a Piazze d’Europa. E ci sarà John Miller, la stella inglese della ceramica
L'edizione 2023 di Piazze d'Europa a Follonica
L’edizione 2023 di Piazze d’Europa a Follonica

FOLLONICA. Venerdì 22 marzo alle 12 in viale Italia taglio del nastro in occasione del ritorno annuale di Piazze d’Europa.

Alla 14esima edizione di questo grande mercato, tante sono le novità e le curiosità che è giusto conoscere per apprezzare ancora di più questa tre giorni “full immersion” nei colori, profumi e sapori dell’intera Europa.

E quindi cominciamo con i nuovi arrivi internazionali tra cui il Portogallo e l’Ungheria, il primo con il sughero e il secondo con la pasticceria (ottima occasione per assaggiare il più noto Kurtoszkalasz, ovvero il tipico pan dolce), per proseguire con l’ingresso del Molise e i suoi prodotti tipici e dell’Abruzzo che sarà rappresentato da una pasticceria de L’Aquila, concludendo con “Maremma Gatta” lo stand piombinese dei gadget dedicati al felino di casa.

Non mancherà lo spazio espositivo organizzato dall’associazione maremmana “Uniti per l’Ucraina” che, proponendo i prodotti tipici della tradizione, organizza un aiuto concreto da devolvere al popolo ancora coinvolto dalla guerra.

Tanti paesi e la stella della ceramica John Miller

Da parte della Fiva e di Confcommercio è palese una grande soddisfazione. 

«Dopo la pandemia da Covid19 – dice Federico Zelli responsabile dell’organizzazione dei mercati europei in Italia – la spensieratezza che di solito caratterizza i mercati di qualunque genere, era venuta meno anche su quello europeo con alcune defezioni e un po’ di preoccupazione. Ma c’è sempre stato uno zoccolo duro che ha resistito comunque, perché a Follonica si viene volentieri e sono quei Paesi che ci sono stati fin dalla prima edizione: Spagna, Belgio, Argentina, Egitto, Irlanda, Sud Tirolo, Austria, Germania…e poi l’Inghilterra».

Sorride e racconta di John Miller che espone la ceramica britannica.

«John Miller ha 80 anni suonati, non sempre è presente come una volta a tutte le manifestazioni; infatti a quella di Foligno dello scorso fine settimana non ha partecipato per riposare e poter essere assolutamente in forma all’appuntamento follonichese».

Piccole ma grandi soddisfazioni.

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati