«O paghi, o dico che sei un pedofilo» | MaremmaOggi Skip to content

«O paghi, o dico che sei un pedofilo»

È bastata una videochiamata per far precipitare un uomo in un incubo: è stato minacciato da un ragazzo, avrebbe creato un video falso e poi lo avrebbe pubblicato. Patteggia un anno e mezzo
L’aula gip/gup del tribunale

GROSSETO. È stato accusato di estorsione e sostituzione di persona, dopo che i carabinieri, attraverso un’accurata indagine, erano risaliti alla sua identità. 

Un’identità che ovviamente non aveva rivelato quando aveva effettuato una videochiamata a un cinquantenne di Grosseto. Videochiamata che poi aveva fatto precipitare l’uomo in un incubo

«O paghi o dico che sei un pedofilo»

Il ragazzo, un giovane originario della Costa d’Avorio di 27 anni residente a Lecco, probabilmente era stato spinto da altre persone a mettere a segno l’estorsione. Che si era concretizzata in una ricarica da 250 euro di una Postepay. 

«O paghi 4.800 euro – aveva detto il giovane all’uomo – o invio a tutti i tuoi contatti di Facebook un fotomontaggio mentre ti masturbi». Poi aveva aggiunto anche il carico. «Faccio un video, lo pubblico su Youtube – aveva detto – e scrivo che sei tu che ti masturbi davanti a una bambina di 5 anni». 

Il cinquantenne, assistito dall’avvocato Claudio Fiori, aveva subito sporto denuncia ai carabinieri che erano riusciti a risalire all’identità del ragazzo. Il giovane aveva anche creato un account su Facebook utilizzando le generalità e la foto del cinquantenne. Cosa, questa, che gli è costata anche l’imputazione di sostituzione di persona. 

Svolgerà un anno e mezzo di servizi sociali

Giovane, incensurato, il giudice Giuseppe Coniglio ha riconosciuto al 27enne una debole condizione psichica e ha accolto la richiesta di patteggiamento presentata dall’avvocato del ragazzo, Nunzio Veninata. 

Il ragazzo ha quindi patteggiato una pena a un anno, 6 mesi, 20 giorni e 500 euro di multa. Pena che sconterà lavorando per la collettività

 

 

 

Autore

  • Francesca Gori

    Redattrice di MaremmaOggi. Da bambina avevo un sogno, quello di soddisfare la mia curiosità. E l'ho realizzato facendo questo lavoro, quello della cronista, sulle pagine di MaremmaOggi Maremma Oggi il giornale on line della Maremma Toscana - #UniciComeLaMaremma

    Visualizza tutti gli articoli

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

Reset password

Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo un link per cambiare la tua password.

Powered by Estatik