Niccioleta, un percorso per non dimenticare | MaremmaOggi Skip to content

Niccioleta, un percorso per non dimenticare

Taglio del nastro del nuovo percorso urbano nella frazione: il lavoro corale della comunità per raccontare la vita dei minatori e per ricordare la strage nazi-fascista. Il programma
Il percorso urbano inaugurato a Niccioleta

MASSA MARITTIMA.  Domenica 3 dicembre,  alla vigilia della ricorrenza della festa di Santa Barbara patrona dei minatori, oltre ai festeggiamenti che ogni anno animano il paese di Niccioleta, sarà inaugurato il nuovo percorso urbano volto a valorizzare la piccola frazione di Massa Marittima.

In realtà si tratta della prima parte di un progetto più ampio che si chiama “Niccioleta 1944-2024” e che avrà l’obiettivo di ricordare gli 80 anni dall’eccidio nazi-fascista di Niccioleta avvenuto nel giugno del 1944 quando furono trucidati 83 minatori realizzato dal Comune di Massa Marittima e dal Parco Nazionale delle Colline Metallifere con il contributo della Regione Toscana, di Massa Marittima Multiservizi e il patrocinio di Anpi Comitato Provinciale “Norma Parenti” e dell’Isgrec (Istituto Storico grossetano della Resistenza e dell’età contemporanea).

Niccioleta, il valore della memoria

Proprio grazie a questa iniziativa Niccioleta è entrata nella Rete dei Paesaggi della Memoria che promuove la tutela e valorizzazione dei luoghi della memoria per diffondere la conoscenza storica e la coscienza civile.
Il nuovo percorso pedonale accompagna il visitatore alla scoperta delle principali strutture architettoniche che ancora oggi sono un’importante testimonianza in grado di raccontare com’era strutturato il villaggio minerario.

La locandina dell’evento

Prevede la sosta in 12 punti di interesse tra cui il dopolavoro, i cosiddetti camerotti dove vivevano i minatori scapoli o in attesa della famiglia, la dispensa, i palazzi degli operai, il rifugio antiaereo e la villa del direttore, le case dei sorveglianti, la scuola elementare, la chiesa fino al cortile che è stato uno dei luoghi della strage nazifascista.

I testi sono stati scritti da Riccardo Zipoli e tratti dal volume “Niccioleta: fotografie e immagini di una comunità mineraria“ di cui è autore, insieme a Roberta Pieraccioli, direttrice dei Musei di Massa Marittima, allo scrittore Massimo Sozzi con la rilettura di Alessandra Casini, direttrice del Parco delle Colline Metallifere, di Ivan Terrosi, assessore comunale al decentramento e Stefano Cheleschi, ex lavoratore della miniera.

È stato realizzato anche un dépliant con il QR Code dove è possibile scaricare il colophon e la lista dei donatori, cittadini di Niccioleta ma anche di altri luoghi, che hanno voluto contribuire economicamente per la realizzazione del progetto. I testi dei pannelli, in italiano e in inglese, possono essere anche ascoltati scaricando l’audioguida in doppia lingua dal portale izi.travel (https://izi.travel/it).

L’audioguida è stata realizzata dall’associazione culturale Prisma mentre la versione italiana è stata speakerata con la collaborazione dell’associazione Liber Pater di Massa Marittima.

Un progetto che spinge Niccioleta nel futuro

«Si tratta di un progetto che fa leva sulla storia, per proiettare la comunità di Niccioleta nel futuro – spiega il sindaco, Marcello Giuntini – Questo è il senso profondo di un’operazione culturale che ha coinvolto tutta la comunità come parte attiva del recupero della memoria e che auspichiamo possa diventare un elemento utile non solo a preservare nel tempo l’identità di questo luogo speciale ma anche per riscoprirne una vocazione turistica. Niccioleta ha, infatti, la particolarità di essere uno dei pochi villaggi minerari d’Italia che è rimasto intatto dalla sua fondazione negli anni Trenta ad oggi e che continua a vivere anche dopo la chiusura delle miniere».

«Niccioleta è un luogo simbolo dell’attività mineraria per tanti motivi che si incrociano e che sono pieni di significati – sottolinea Lidia Bai presidente del Parco Nazionale delle Colline Metallifere – basta pensare alla strage nazifascista, alla realtà del villaggio e la trasformazione di una parte dell’edificio della vecchia infermeria della miniera nella sede dell’Archivio e del polo tecnologico e scientifico del Parco. Con questo percorso si inizia a dare visibilità a questo luogo in un progetto organico che illustra bene tutte queste realtà. L’auspicio è quello di proseguire questo itinerario anche nella parte che attraversa il patrimonio minerario ancora esistente».

«L’inaugurazione del percorso della memoria a Niccioleta – aggiunge Riccardo Zipoli dell’Università Cà Foscari di Venezia – è una bella notizia per tutti noi. Il risultato di un lavoro corale di cui ho avuto l’onore di essere il curatore scientifico e che è iniziato circa tre anni fa con la pubblicazione del libro Niccioleta: fotografie e immagini di una comunità mineraria. Adesso speriamo che con l’aiuto indispensabile del Comune Massa Marittima e del Parco Nazionale delle Colline Metallifere il nostro progetto prosegua e si proceda ad allestire l’altro percorso della memoria incentrato sull’attività della miniera». 

Il programma della giornata

Il programma dell’evento prevede alle 9,30 la Santa Messa officiata dal vescovo monsignor Carlo Ciattini e alle 10.30 sul sagrato della chiesa parrocchiale di Santa Barbara l’inaugurazione del percorso e la presentazione dell’audioguida.

Interverranno il sindaco Marcello Giuntini, la presidente Lidia Bai, il presidente dell’Anpi Comitato Provinciale Luciano Calì, il presidente dell’Isgrec Lio Scheggi e Riccardo Zipoli dell’Università Cà Foscari di Venezia.

A seguire il pranzo organizzato dalla Cooperativa Insieme (menu fisso 22 euro, prenotazioni al 3341812918). Inoltre, dall’8 dicembre, sarà possibile effettuare visite guidate su prenotazione chiamando il numero 0566 -906525, e-mail: assistenzamusei@gmail.com

 

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati