Minaccia di morte il rivale in amore: arrestato | MaremmaOggi Skip to content

Minaccia di morte il rivale in amore: arrestato

Si è presentato davanti a casa della sua ex per dichiararle il suo amore: il giorno prima l’aveva fatta cadere e le aveva spaccato alcuni soprammobili
L'intervento dei carabinieri
Una pattuglia dei carabinieri

PORTO SANTO STEFANO. Era finito ai domiciliari, poi la misura era stata attenuata. Ma alla sua ex fidanzata, che lo aveva già denunciato per stalking, non si sarebbe potuto avvicinare. Per questo, martedì 1 marzo, un uomo di 47 anni è stato portato in carcere dai carabinieri. Dove or dovrà restare su decisione del giudice per le indagini preliminari Marco Mezzaluna

In carcere dopo aver perseguitato di nuovo la ex

È finita così l’udienza di convalida dell’arresto dell’uomo, difeso dall’avvocata Amanda Paoletti. L’uomo è accusato di stalking, di violazione del divieto di avvicinamento che gli era stato applicato ma anche di lesioni.

L’incubo per la donna era ricominciato alla fine di gennaio, quando il 47enne aveva cercato di avvicinarla di nuovo: al 47enne era stata applicata la misura del divieto di avvicinamento alla donna, al posto degli arresti domiciliari scontati fino ad allora. Il reato per il quale era stato processato e condannato era quello di stalking, sempre nei confronti della donna. Ma di fronte al giudice, il quarantasettenne ha detto che era stata  lei a cercarlo di nuovo. Versione opposta rispetto a quella raccontata dalla donna ai carabinieri, che martedì sono dovuti intervenire e che hanno portato il 47enne in carcere

Il giorno prima infatti, l’uomo si era avvicinato di nuovo: probabilmente aveva bevuto e a un certo punto aveva aggredito la sua ex, facendola cadere per prenderle le chiavi di casa e il cellulare. Una volta entrato nell’abitazione, poi, aveva spaccato alcuni soprammobili. Era intervenuto un vicino di casa della donna, che era riuscito a calmarlo, mentre lei si era dovuta presentare al pronto soccorso per farsi medicare. 

Il giorno dopo, il primo marzo, il quarantasettenne aveva cominciato invece a inviare messaggi alla sua ex che, spaventata, aveva chiamato i carabinieri. Quando i militari sono arrivati, l’uomo era davanti a casa della donna: probabilmente aveva bevuto e continuava a urlare dicendo che la donna aveva una relazione con un altro. Un uomo che lui ha detto di odiare profondamente, minacciandolo di morte davanti ai carabinieri. Era andato a casa della donna per dichiararle il suo amore.

È scattato l’arresto: ora, il quarantasettenne è in carcere. 

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati