Meningite fulminante, muore a 27 anni | MaremmaOggi Skip to content

Meningite fulminante, muore a 27 anni

Tragedia all’ospedale Misericordia: il ragazzo, originario del Veneto, era in Maremma dalla fidanzata quando si è sentito male. Trasferito dall’ospedale di Massa Marittima a Grosseto, purtroppo non ce l’ha fatta
L'ospedale di Grosseto
L’ospedale di Grosseto

GROSSETO. La tragedia si è consumata proprio nei giorni di festa, quando gli alberi sono addobbati e le luminarie colorano le città. Quando c’è voglia di leggerezza, di divertimento, di abbracci e calore. 

Ma per un ragazzo di 27 anni originario del Veneto, in Maremma per far visita alla fidanzata, queste festività non ci sono mai state. Il 30 dicembre è morto, ucciso da una meningite fulminante nel reparto di Rianimazione dell’ospedale di Grosseto. 

Ucciso dalla meningite fulminante a 27 anni

Il ragazzo aveva cominciato a sentirsi male mentre si trovava a Follonica, dalla sua fidanzata. Era arrivato in Maremma dal Veneto 15 giorni fa. 

Aveva la febbre quasi a 40 quando si è presentato al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Andrea di Massa Marittima. Il suo corpo era ricoperto di petecchie e le sue condizioni erano molto gravi. 

Per questo il personale del Sant’Andrea ha deciso di farlo trasferire all’ospedale Misericordia di Grosseto, dov’è arrivato già con i segni di una sepsi

Le condizioni del 27enne erano disperate: è stato ricoverato in Rianimazione dove i medici hanno fatto di tutto per salvargli la vita.

Durante gli esami e i trattamenti del caso, le sue condizioni sono improvvisamente peggiorate fino al decesso, da attribuire, in base agli esami di laboratorio, a una forma fulminante di meningite. 

La salma restituita alla famiglia

La salma del ragazzo è stata trasferita dal reparto di Rianimazione all’obitorio dell’ospedale Misericordia. Martedì 2 gennaio, è stata restituita alla famiglia: il carro funebre è arrivato dal Veneto, per accompagnare il 27enne ucciso dalla meningite, nel suo ultimo viaggio. 

 

 

 

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati