Maximulta per chi non lava via la pipì di Fido | MaremmaOggi Skip to content

Maximulta per chi non lava via la pipì di Fido

Deiezioni di Fido in città, pugno duro del sindaco: tante le segnalazioni da parte dei cittadini, nuova ordinanza per il decoro

MASSA MARITTIMA. Troppe deiezioni di quattro zampe in città: arriva l’ordinanza firmata dal sindaco Marcello Giuntini che impone ai proprietari dei quattro zampe non solo di raccogliere le cacche, ma anche di lavare la pipì

L’ordinanza, che contiene “Disposizioni urgenti relative alla conduzione dei cani e all’obbligo di rimozione delle deiezioni canine in luoghi pubblici, a tutela della salute, dell’igiene, del decoro cittadino e della tutela del patrimonio” è stata firmata mercoledì 14 febbraio.

Tante segnalazioni da parte dei cittadini

Sono state numerose le segnalazioni e le lamentele da parte della cittadinanza in merito ai disagi derivanti dalle deiezioni, anche liquide, ad opera di cani a ridosso di edifici, strade pubbliche, marciapiedi, passaggi, aree e giardini pubblici, ecc. è stata emessa l’ordinanza sindacale con la quale è fatto obbligo ai proprietari o ai conduttori di un cane di provvedere subito alla diluizione e ripulitura con acqua e opportuni detergenti disinfettanti delle deiezioni liquide prodotte dai cani,  dotandosi di bottigliette, spruzzatori o altri contenitori da versare all’occorrenza.

Per quanto riguarda gli escrementi, l’ordinanza prescrive «di provvedere all’immediata rimozione facendo uso di sacchetti monouso, o di una paletta o di altra idonea attrezzatura, che è necessario tenere a pronta disposizione ed esibire, a richiesta, agli organi preposti al controllo».

Maxi multe in agguato

L’amministrazione comunale della città del Balestro ricorda che il deturpamento e l’imbrattamento delle cose altrui mobili o immobili è comportamento sanzionato anche al livello penale. È anche vietato consentire ai cani di urinare a ridosso di portoni di ingresso e degli accessi ad abitazioni, negozi, vetrine ed elementi di arredo urbano.

Ai trasgressori sarà elevata una multa che va dai 50 ai 300 euro. Sono esonerati dalle prescrizioni dell’ordinanza i portatori di cani guida per ciechi, di cani delle forze di pubblica sicurezza e della protezione civile nell’esercizio dell’attività istituzionale.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati