Matteo Gamerro fa tappa a Pitigliano | MaremmaOggi Skip to content

Matteo Gamerro fa tappa a Pitigliano

Ad accogliere e accompagnare il 42enne affetto da sclerosi multipla sul Cammino di San Michele sarà il sindaco Giovanni Gentili
Matteo Gamerro durante il Cammino di San Michele
Matteo Gamerro durante il Cammino di San Michele

PITIGLIANO. Pitigliano si prepara ad accogliere, venerdì 15 ottobre, Matteo Gamerro, 42 anni, l’uomo affetto da sclerosi multipla, che sta attraversando l’Italia da nord a sud, lungo il Cammino di San Michele, sulla sua joelette, una speciale carrozzina che viene spinta a piedi da amici, familiari e dalle persone che desiderano dare una mano, condividendo con lui parte del cammino. È la terza tappa in Maremma, dopo l’arrivo emozionante a Massa Marittima nel giorno delle celebrazioni di San Cerbone e quello alla cripta di Giugnano, che ha spinto la presidente del Parco delle colline metallifere, Lidia Bai, a chiedere l’inserimento della Via delle città etrusche nel cammino di San Michele.

Anche il sindaco di Pitigliano, Giovanni Gentili, accompagnerà Matteo, lungo il percorso nell’area del Tufo. Per coloro che volessero unirsi e fare questa esperienza il ritrovo è alle 11 all’inizio della Cava di San Giuseppe (strada di San Pietro) con l’accoglienza di Matteo e dei suoi accompagnatori.

Poi percorrendo la via Cava il gruppo raggiungerà Pitigliano dalla porta di Sovana e passando dal centro storico arriverà fino alla chiesa di San Michele.

Nel tardo pomeriggio Matteo Gamerro e i suoi accompagnatori riprenderanno il cammino per Farnese. Matteo Gamerro, 42 anni, nonostante la sua malattia ha voluto realizzare un sogno: affrontare il Cammino di San Michele, la via che seguivano anticamente i pellegrini Longobardi e che è stata riscoperta e tracciata dal Comitato Promotore San Michele “Cammino di Cammini”, congiungendo i due estremi italiani della Linea Sacra di San Michele.

Alla rinascita del Cammino ha contribuito il giornalista televisivo Sandro Vannucci, che sta condividendo l’esperienza del cammino insieme a Matteo. Il gruppo di pellegrini il prossimo 24 ottobre arriverà a Roma. Il viaggio di Matteo vuole essere un messaggio di forza e di speranza per tutte le persone, ed in particolare per i disabili che come lui non vogliono arrendersi alla propria condizione e desiderano vivere la vita come un dono.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected