Mariupol e le altre crisi internazionali | MaremmaOggi Skip to content

Mariupol e le altre crisi internazionali

Domenica 7 aprile doppio appuntamento al Piccolo Cineclub Tirreno: Flavio Fusi presenta il suo ultimo libro “La ballata delle frontiere”, poi la proiezione del documentario vincitore dell’Oscar
A sinistra, la locandina dell’evento, a destra il giornalista Flavio Fusi

GROSSETO. Sono aperte le prenotazioni al 339/3880312 per l’evento in programma domenica 7 aprile,  organizzato dal Piccolo Cineclub Tirreno di Follonica in collaborazione con il Museo Magma di Follonica.

Sarà in programma un doppio evento intitolato “La Storia, le storie” che vedrà protagonista il grande giornalista Flavio Fusi, per trent’anni inviato della Rai in tutte le più importanti crisi internazionali, corrispondente da New York e Buenos Aires, conduttore e commentatore del Tg3.

Un libro e un film contro i conflitti

Il nuovo libro scritto dal giornalista italiano Flavio Fusi, “La ballata delle frontiere” e la proiezione in anteprima provinciale di “20 giorni a Mariupol”, vincitore  pochi giorni fa del Premio Oscar 2024… saranno questi i grandi protagonisti del doppio evento.

Ma ecco tutti i dettagli: si comincia alle 18 alla Sala Fantasmi del Museo Magma di Follonica.

Il giornalista Flavio Fusi presenterà il suo ultimo libro “La ballata delle frontiere”. L’evento sarà ad ingresso libero e gratuito senza prenotazione e sarà moderato dalla giornalista Lina Senserini.

Guidati da una voce fuoricampo, Fusi ci fa atterrare in un pianeta di “incubi a bassa intensità” che poi deflagrano, come a Gaza – odio e rancore con vista sul Mediterraneo. Le testimonianze frammentarie degli ultimi, le minuscole storie personali ma emblematiche, mai registrate dalle cronache in primo piano, si mescolano alla descrizione dei fatti e dei luoghi, e ai ricordi in un racconto periferico e avvolgente fino alla frontiera delle frontiere: “là dove la terra finisce e il mare comincia…”.

Il docufilm in anteprima provinciale

Alle 21.30,  sempre domenica 7 aprile (ma stavolta alla Sala Tirreno in via Bicocchi 53), sarà in programma, in anteprima provinciale, la proiezione del film “20 giorni a Mariupol” vincitore del Premio Oscar 2024 per il miglior documentario – realizzato dal Premio Pulitzer Mstyslav Chernov.

Per partecipare a questo evento è necessario prenotare al tel: 339/3880312 e restano disponibili 60 posti.

Dopo aver lavorato per quasi dieci anni per The Associated Press, raccontando i principali conflitti internazionali, questioni sociali di grande attualità e le crisi ambientali in Europa, Asia e Medio Orienta, Mstyslav Chernov si è concentrato sulla guerra Russia – Ucraina, per cui ha ricevuto il Premio Pulitzer. “20 Days in Mariupol” è il suo primo lungometraggio.

«Il film restituisce il ritratto dei civili coinvolti nell’assedio, ma è anche una drammatica testimonianza di cosa voglia dire raccontare una zona di conflitto e come questo possa avere un impatto sull’opinione pubblica internazionale. Di fronte a tanto dolore, l’autore si chiede se filmare ancora possa fare qualche differenza, ma sono gli stessi cittadini di Mariupol a implorarlo di continuare, perché il mondo sia testimone.”

Avremo il piacere e l’onore di presentare il film e di discuterne insieme con il giornalista Flavio Fusi.

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati