Ma quale euro! Castiglione ora ha il suo “soldo” | MaremmaOggi Skip to content

Ma quale euro! Castiglione ora ha il suo “soldo”

Il gioielliere Luciano Landi ha “coniato” una vera moneta con gli stemmi dei rioni cittadini
Il soldo di Castiglione della Pescaia
Il soldo di Castiglione della Pescaia

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA. Il gioielliere castiglionese Luciano Landi, una vita nella sua bottega ora in piazza della Repubblica lungo il corso cittadino, si è tolto una soddisfazione: ha coniato, personalmente, il “soldo” di Castiglione della Pescaia, sia in oro che in argento.

Il valore monetario è simbolico ovviamente, ma la cesellatura e l’immagine, con gli stemmi dei cinque rioni cittadini del Palio marinaro, possono essere un’idea regalo per tutti. E soprattutto la moneta, grande all’incirca come quella delle 10 lire ha anche una storia alle spalle.

Il gioielliere Luciano Landi e la sua bottega lungo il Corso della Libertà a Castiglione della Pescaia

Landi: «Il soldo è un regalo a Castiglione»

«Era da tanto tempo che ci pensavo – racconta proprio Luciano Landi – leggendo anche vari libri sulle monete antiche. La passione per realizzare oggetti e monili non mi è mai mancata, così come dilettarmi a pensare e costruire anelli e collanine. Perché allora non fare il soldo di Castiglione della Pescaia, e abbinarlo ad una delle tradizioni storiche del paese, il Palio marinaro appunto».

La gioielleria di Landi infatti, praticamente da sempre sponsorizza il comitato del Palio, realizzando per esempio i ricordi per le Madrine, sempre oggetti delicati e rappresentativi.

Landi con la sua pressa per coniare e il soldo di Castiglione della Pescaia nella vetrina

Questa volta Landi ha voluto “esagerare”. Prima disegnando i due lati della moneta: in una facciata appunto i simboli che in teoria potrebbero essere colorati dei rioni, Marina, Ponte, Portaccia, Castello e Piazza; e dall’altro la torre e il nome di Castiglione della Pescaia. Poi realizzando il conio che con la sua macchina a “stampa” che può appunto riprodurre come vuole.

«Vivo a Castiglione della Pescaia dal 1969 arrivando da Siena – dice ancora Luciano Landi – e ho voluto riprodurre una moneta in stile medioevale. Un omaggio al mio paese».

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati