Lo giudicano eccellente ma lo degradano, poliziotto vince al Tar | MaremmaOggi Skip to content

Lo giudicano eccellente ma lo degradano, poliziotto vince al Tar

L’ispettore superiore della stradale era stato richiamato dopo l’esposto presentato da un collega alla Procura: il tribunale amministrativo condanna il ministero dell’Interno a pagare le spese di giudizio
Una pattuglia della stradale durante un controllo
Una pattuglia della polizia stradale

GROSSETO. C’era stato prima un esposto presentato alla procura di Grosseto da parte di un collega, subito archiviato. Poi era arrivata una sanzione pecuniaria, subito declassata a richiamo scritto da parte del compartimento della polizia stradale. A farne le spese era stato un poliziotto della stradale che, per vedersi cancellare il richiamo e ottenere così il giusto riconoscimento dei gradi di carriera, si è dovuto rivolgere al Tar

Che gli ha dato ragione, condannando il ministero dell’Interno al pagamento delle spese di giudizio per 2.000 euro. Anche perché, il suo rendimento negli anni, era sempre stato eccellente. Ma nonostante l’ottima valutazione, il ministero non voleva saperne di cancellare quel richiamo. 

Un esposto presentato da un collega

La vicenda risale a 11 anni fa quando un collega del poliziotto, si era rivolto alla Procura, segnalando che l’ispettore superiore durante una giornata di lavoro, aveva prestato servizio solo per tre ore anziché 6 senza recuperare le tre ore mancanti. 

Appena ricevuta l’archiviazione da parte della procura, il poliziotto aveva scritto al ministero, senza però avvertire il compartimento. E da quegli uffici era arrivato prima un atto di trasferimento, poi una sanzione pecuniaria trasformata infine in sanzione di richiamo. 

L’agente che aveva denunciato l’ispettore superiore era stato trasferito alla polizia ferroviaria, mentre lui era rimasto alla stradale. 

Per quattro volte di seguito, ogni due anni, il poliziotto aveva chiesto la riabilitazione: con quella sanzione di richiamo, infatti, era stato degradato. 

Il Tar dà ragione al poliziotto irreprensibile

Senza mai aver ricevuto risposta, alla fine, l’ispettore superiore si è rivolto direttamente al Tar. Assistito dalle avvocate Mariapaola Marro e Barbara Chelli, i giudici della sezione prima del tribunale amministrativo hanno accolto il ricorso contro il provvedimento. 

Anche perché, durante gli anni di servizio, aveva sempre ricevuto valutazioni eccellenti: tutti i rapporti informativi, dal 2014 ad oggi, lo descrivevano come un dipendente dal rendimento “ottimo”. 

Anche il dirigente del compartimento regionale della polizia stradale era stato favorevole alla concessione del beneficio che aveva richiesto. Per questo i giudici Roberto Pupipella, presidente, Luigi Viola, consigliere e Flavia Risso, consigliera estensora, hanno accolto il ricorso e hanno condannato il ministero dell’Interno al pagamento di 2.000 euro di spese. 

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati