La tavola di Pasqua, i consigli per apparecchiarla | MaremmaOggi Skip to content

La tavola di Pasqua, i consigli per apparecchiarla

La prima regola è che deve essere colorata. Occhio al centrotavola e ai segnaposti. Gli abbinamenti da non sbagliare
Due esempi di tavola di Pasqua, sempre colorata
Due esempi di tavola di Pasqua, sempre colorata

di Elisa Bartalucci

GROSSETO. Ammesso e non concesso che decidiate di trascorrere il pranzo di Pasqua in casa con parenti o amici, perché, come dice il famoso detto “Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi”, per le festività pasquali avremo la libertà di salire sul primo aereo con destinazione meta sconosciuta.

Se però, questo diritto di libertà dagli appuntamenti con i pranzi comandati insieme ai parenti, non volete farlo valere, e magari il pranzo di Pasqua si terrà proprio a casa vostra, noi di MaremmaOggi non vogliamo lasciarvi allo sbaraglio ed eccoci qua a dispensare consigli per la mise en place pasquale.

La tavola di Pasqua deve essere colorata

La tavola di Pasqua ha un’unica importante regola: deve essere colorata. Dalla tovaglia ai piatti, dai centrotavola ai segnaposto, le tinte devono farla da padrone e, insieme ad un uovo, un fiore e un coniglio, daranno alla vostra mise en place quel tocco di primavera che non deve mancare.

Date, quindi, libero sfogo alla vostra creatività e seguite questi semplici ma preziosi consigli.

Dato che piatti e tovaglioli dovranno essere colorati, come il resto delle decorazioni, per la tovaglia dovrete puntare su di un colore neutro: che sia bianca, beige o panna, cotone o lino non importa, quello che conta sarà l’effetto di contrasto che questa farà con il resto dell’apparecchiatura.

A dominare sul tavolo da pranzo, poi, dovrà essere il centrotavola.

Le alternative sulla sua realizzazione sono diverse: si possono scegliere, come elemento di spicco scenografico, fiori di stagione con qualche ciuffo di erba, magari collocati dentro un vaso colorato, oppure un cestino di vimini riempito di ovetti di polistirolo dipinti. Sempre all’interno di un vaso di vetro, magari trasparente, si potrà realizzare il famoso albero di Pasqua con rami di nocciolo o pesco, ai quali appendere uova, gusci decorati o di cioccolato.

Ultima idea, ma non per originalità, è quella di un piccolo nido, ornato con piccole uova di cioccolato o uccellini decorativi in stoffa.

Alcuni esempi di apparecchiatura per Pasqua
Alcuni esempi di apparecchiatura per Pasqua

L’importanza dei segnaposti

Oltre al centro tavola, sarà un’idea originale realizzare di vostro pugno segnaposti perfetti: un origami a forma di coniglietto pasquale da realizzare con i tovaglioli di carta , da posizionare al centro del piatto o vicino alle posate.

Se sull’abbinamento di colore siete in difficoltà la scelta della combinazione giallo e verde richiama molto la primavera, così come l’azzurro e il giallo; bianco e azzurro e bianco e rosa, invece, regaleranno alla vostra tavolo un tocco chabby, mentre verde e rame o lilla e glicine saranno perfetti per una tavola country.

Insomma, di consigli sulla mise en place pasquale ve ne abbiamo dati fin troppi, adesso dovrete solo metterli in pratica. Altrimenti c’è sempre il biglietto aereo per la destinazione sconosciuta per “una Pasqua con chi vuoi”.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati