La biblioteca comunale batte, di nuovo, il record | MaremmaOggi Skip to content

La biblioteca comunale batte, di nuovo, il record

Il record assoluto del 2022 ha perso il primato. Record anche il numero di accessi. Il libro di argomento locale più prestato è “I grifoni della Maremma” del grossetano Francesco Falconi
Biblioteca comunale libri
Libri in biblioteca

MANCIANO. Il 2023 è un anno da record per la biblioteca comunale. Ha effettuato in totale 𝟯𝟲𝟲𝟳 𝗽𝗿𝗲𝘀𝘁𝗶𝘁𝗶 (battendo di 601 uscite il risultato dello scorso anno, che già era un record assoluto fin dalle origini della biblioteca).
A questa cifra vanno poi aggiunti i 𝟳𝟳𝟯 𝗽𝗿𝗲𝘀𝘁𝗶𝘁𝗶 che la biblioteca ha inviato alle altre strutture della Rete bibliotecaria provinciale (l’anno scorso furono 430, quindi 343 in più). Più le numerose consultazioni in sede e forniture di documenti e materiale fotografico in formato digitale.
Gli utenti della biblioteca mancianese hanno beneficiato dell’interprestito di rete 587 volte e del prestito extra-sistema (ovvero da biblioteche fuori dalla provincia di Grosseto) 11 volte.
 

Biblioteca da record anche nel numero di accessi

Un dato sicuramente incoraggiante è anche quello delle presenze registrate nella sede mancianese. Nel 2023 sono sati 𝟱𝟰𝟳𝟯 gli 𝗮𝗰𝗰𝗲𝘀𝘀𝗶, un numero che batte di gran lunga i livelli pre-pandemia (nel 2019 gli accessi totali furono infatti 5069).
 Il dato, tra l’altro, non tiene naturalmente conto dei numerosi eventi letterari e culturali che la biblioteca ha promosso in altre sedi e nelle frazioni del comune di Manciano, quindi il numero dei cittadini che hanno usufruito dei servizi bibliotecario quest’anno è sicuramente più alto di quanto risulta dal registro presenze.

La propensione alla lettura continua a essere in aumento, anche grazie all’interprestito con navetta, alle molte iniziative di promozione della lettura per adulti e bambini portate avanti anche con il gruppo di lettura.

La biblioteca, numeri alla mano, sta diventando sempre più un prestito di comunità, le sue strutture e i suoi servizi sono sempre più importanti per la popolazione (tra i tanti, va ricordato il progetto “Studiamo insieme” avviato lo scorso settembre).

I più letti della biblioteca

Ecco la classifica (in ordine crescente) dei libri più chiesti in prestito alla biblioteca di Manciano:

  • Al terzo posto nel 2023 si assestano tantissimi ex-aequo. Come “La malnata” (romanzo d’esordio della giovane scrittrice Beatrice Savioni, vincitore del premio Calvino). Gli fanno compagnia i giallisti italiani sulla cresta dell’onda Marco Vichi e Cristina Cassar Scalia, di cui i mancianesi sono avidi lettori, e il best seller “Come vento cucito alla terra“di Ilaria Tuti.
  • Al secondo posto c’è “I peccati di Maria Salas” dell’apprezzata autrice spagnola Clara Sanchez che pareggia con il noir ambientato nella Londra degli anni Venti “Il regno della notte” di Kate Atkinson.
  • Il primo posto è occupato dalla scrittrice statunitense Ottessa Moshfegh, che con “Il mio anno di riposo e oblio” ha scalato le classifiche in tutto il mondo.
    A Manciano è a pari merito con “Liberi come la neve“, un romanzo young adult scritto dalla giovanissima autrice Rita Nardi, arrivato alla ribalta grazie al passaparola dei booktokers.

Il libro di argomento locale più prestato è stato quello della saga familiare “I grifoni della Maremma” dell’autore grossetano Francesco Falconi.
Il libro più amato dai ragazzi è ancora l’intramontabile “Diario di una schiappa” di Jeff Kinney.
E tanto per cambiare, in cima alla lista dei dvd più visti ci sono ancora i “Me contro te“.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati