In più di 300 al via della Sei ore della Maremma | MaremmaOggi Skip to content

In più di 300 al via della Sei ore della Maremma

L’ultra maratona è in programma domenica 21 gennaio sulle Mura medicee: una grande festa di sport con importanti atleti nazionali
Un’immagine della passata edizione della Sei ore della Maremma

GROSSETO. Previsti più di 300 podisti alla “Sei Ore della Maremma”, gara di ultra maratona in programma domenica 21 gennaio a Grosseto. Un “serpentone” umano illuminerà, dalle  9.30 alle 15.30il tracciato di 1757 metri sulle Mura  medicee. Non solo grandi  numeri di presenze, ma anche grandi sfide in uno scenario da festa paesana con gruppi musicali dislocati sul tracciato della gara.

Sfida all’ultimo giro sulle Mura

Infatti incertissima  sarà la sfida in campo femminile con Ilaria Bergaglio, pettorale 9 e Federica Moroni pettorale 94 che si sfideranno a colpi di giri. La prima, fresca vincitrice del titolo italiano della 100 chilometri al Parco del Valentino a Torino, e la seconda, ex campionessa italiana di ultra maratona, con un palmares colmo di successi. Le due campionesse potrebbero andare oltre i 70 chilometri percorsi.

In campo maschile occhi puntati su David Colgan, pettorale numero 3, vincitore della passata edizione che se la dovrà vedere con il nazionale di ultra maratona Benito Pasquariello, pettorale 83 e l’emergente Federico Badiani, pettorale 134.

Tutto in sei ore, non un minuto di più né uno di meno, tutto sulle mura cinquecentesche  di Grosseto. La manifestazione targata Uisp, valida anche  come quarto Memorial  Walter Baldini, nonostante sia nata solamente da poco tempo, è già diventata una delle più belle e partecipate ultra maratone in circolazione.

Caccia ai record da battere

In campo maschile potrebbe resistere il record del percorso che è detenuto dallo spagnolo Ivan Lopez Penalba, con 82 chilometri e 420 metri per un totale di 51 giri.

In campo femminile, sotto gli occhi attenti della responsabile della nazionale femminile, Monica Casiraghi, si sfideranno oltre alla Moroni e alla Bergaglio, altre atlete di interesse nazionale come Elisa Bellagamba, pettorale 91 e Anna Zilio con  il pettorale 84.

Un monitor sotto l’arco della partenza, segnalerà passo passo i chilometri e i giri anellati da ciascun atleta al via. Tantissima qualità in campo femminile, tanto da ritenere che a meno di un meteo avverso, o a qualche incidente di percorso,  il record di Francesca Ferraro che l’anno scorso fece 71 chilometri e 585 metri con 43 giri all’attivo,  sarà battuto.

Il percorso dell’ultra maratona

Giustificata la soddisfazione degli organizzatori supportati per questo grande evento dalla Banca Tema, Sem Ascensori, Porto della Maremma, Tosti di Castel Del Piano e dalla Cantina Vini di Maremma.

La passata edizione della Sei ore della Maremma

Un percorso suggestivo, tutto ricavato sulle Mura Medicee, che quest’anno è stato portato a un chilometro e 758 metri.

Partenza alle 9.30 dal Bastione Garibaldi (dove sarà concentrato tutto l’evento) per poi transitare in senso orario per i Bastioni Fortezza, Rimembranza, Maiano, Cavallerizza e Molino a Vento.

 Un tracciato suggestivo e pieno di storia inserito nel programma nazionale Iuta, che lo ha definito uno dei tracciati più belli e interessanti in circolazione. Un “serpentone” umano che per sei ore darà spettacolo sulle mura grossetane.

Ci saranno anche una serie di rappresentazioni per far diventare la manifestazione, oltre che a guardare all’aspetto agonistico, anche una vera e propria giornata di festa.  Come nelle altre precedenti edizioni è prevista anche la staffetta sei per un’ora, con squadre di sei atleti che si contenderanno la vittoria dopo aver corso un ora a testa. Tutto sulle mura, tutto in sei ore, non un minuto di più né un minuto di meno. Giustificata la soddisfazione degli organizzatori che vedono  ripagato l ‘impegno messo in campo per realizzare l’evento, con  l’ingresso tra gli sponsor principali, dell’Acquedotto del Fiora e la Unicoop Tirreno.

 

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati