Il sogno di Irene: la telecabina a vetri dalla piazza al centro storico | MaremmaOggi Skip to content

Il sogno di Irene: la telecabina a vetri dalla piazza al centro storico

Irene Marconi annuncia la sua candidatura a sindaca di Massa Marittima. In continuità con l’attuale Amministrazione. E un sogno per il centro
Irene Marconi si candida a sindaca di Massa Marittima
Irene Marconi si candida a sindaca di Massa Marittima

MASSA MARITTIMA. Tanti progetti in continuità con l’attuale Amministrazione. E un sogno nel cassetto, che è qualcosa più di un sogno, perché il dipartimento di Architettura dell’università di Firenze, con il professor Giorgio Verdiani e l’architetto Maurizio De Vita, ha già fatto uno studio di fattibilità. Si tratta di un collegamento su rotaia, in parte a terra e in parte sopraelevato, fra Cittavecchia, quindi la piazza, e la parte altra del centro, Cittanuova, con cabine a vetri da 25 persone.

Irene Marconi, 42 anni, laureata in psicologia, attualmente assessore alla cultura, istruzione e turismo del comune di Massa Marittima, ha presentato la sua candidatura a sindaco della città del balestro.

Marconi: «Una candidatura maturata in 5 anni con Giuntini»

La candidatura, quindi, nasce nel segno della continuità con l’Amministrazione guidata da Marcello Giuntini.

«La mia candidatura a sindaco di Massa Marittima è maturata nel corso dei 5 anni di esperienza amministrativa appena trascorsi nella giunta di Marcello Giuntini per la coalizione “Massa Avanti Insieme” di cui attualmente fanno parte il Partito Democratico i Socialisti e Sinistra Italiana, ed è sostenuta sia dal gruppo consiliare e dalla giunta uscente, che da un gruppo di persone, tra cui alcuni giovani, attivamente impegnati, a vario titolo, nella vita associativa e sociale della città».

«Durante questo mandato amministrativo la giunta si è trovata ad affrontare la gestione dell’emergenza sanitaria causata dalla pandemia e, successivamente, a gestire la ripartenza, con importanti sfide progettuali quali quelle del Pnrr. Queste complesse sollecitazioni ci hanno ispirato e invogliato a dare alla città un modello amministrativo nuovo, vicino al cittadino e attento alla programmazione, che favorisca lo sviluppo complessivo della città e del territorio comunale».

Il progetto “Verso Massa 2025”

«Le nostre idee in parte nascono dal progetto “Verso Massa 2025“: uno strumento che, partendo da uno studio condotto dalla scuola superiore Sant’anna di Pisa, e coinvolgendo il centro storico di Massa Marittima e le sue frazioni, è stato poi approfondito grazie ad una serie di convegni su tematiche come l’istruzione, pianificazione e gestione del territorio, collaborazione tra pubblico e privato nella rigenerazione urbana, grandi eventi, con l’intenzione di costruire un nuovo modello di amministrazione che fosse più attento ai cittadini, più puntuale nell’erogazione dei servizi, a misura delle famiglie e in grado di rispondere ai bisogni dei giovani».

«Abbiamo intenzione di favorire le nuove residenzialità, cioè di accogliere coloro che scelgono di trasferirsi a Massa Marittima perché qui trovano una dimensione dell’abitare vicino alle proprie esigenze, senza trascurare la presenza dei servizi essenziali, dalle scuole – di ogni ordine e grado – all’ospedale. La sanità, sia quella ospedaliera che quella territoriale, è e sarà al centro della nostra attenzione: riteniamo l’ospedale Sant’Andrea un servizio strategico per tutti i cittadini, dai residenti ai turisti, e quindi ci impegneremo affinché i livelli di assistenza risultino sempre di alta qualità».

Il sogno nel cassetto

«Siamo pronti a lavorare da subito: abbiamo progetti concreti ed obiettivi chiari a medio e a lungo termine, ed anche qualche “sogno nel cassetto“, come ad esempio il progetto di un sistema di risalita che colleghi la piazza alla parte alta del centro storico, per cui attualmente abbiamo fatto uno studio di fattibilità e la cui realizzazione ci sembra oggi molto più vicina».

Dopo la laurea Irene Marconi ha lavorato in ambito socio-educativo prima all’Elba e poi a Piombino. Ha due figli di 15 e 8 anni.

«Conosco bene le difficoltà dei genitori ed in particolare delle donne che spesso sono chiamate a trovare un faticoso compromesso tra lavoro e famiglia. Per questo motivo, in questi anni, ho rivolto il mio impegno ad incrementare i posti nido, anche in risposta alla misura “nidi gratis” sostenuta dalla Regione Toscana, dando così un aiuto concreto alle giovani famiglie e soprattutto alle neo mamme».

«Ho cercato di ampliare l’offerta formativa della nostra città con l’adesione da parte dell’amministrazione comunale all’ITS Energia e Ambiente di Colle val d’Elsa, per valorizzare gli indirizzi tecnici e professionale dell’istituto Lotti, e fornire così ai nostri ragazzi opportunità concrete di impiego e crescita professionale».

«Nelle prossime settimane inaugureremo la sede del nostro comitato elettorale ed avvieremo un percorso di ascolto con la volontà di intercettare idee, progetti e bisogni dei nostri concittadini. Siamo aperti al dialogo e disponibili a condividere un percorso con tutti coloro che fanno propri i valori di solidarietà, libertà, uguaglianza e impegno, per una cittadinanza attiva e partecipe che ha a cuore la propria città».

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati