Il porto pieno di rifiuti | MaremmaOggi Skip to content

Il porto pieno di rifiuti

La proposta dell’associazione Maremma Pro Natura: «Organizziamoci, vi diamo una mano a portare via la spazzatura»
I rifiuti lasciati nel porto di Porto Santo Stefano

PORTO SANTO STEFANO. Le acque del porto di Porto Santo Stefano, in questo periodo, sono popolate da diverse specie di uccelli migratori che si sono fermati a svernare in Maremma. Ci sono cormorani, ad esempio, ma anche le rare gazze marine, che sono arrivate dal nord Europa. 

L’associazione Maremma Pro Natura, domenica 8 gennaio, aveva organizzato un servizio di monitoraggio degli uccelli migratori all’Argentario. I volontari, quando sono arrivati sul porto però, hanno trovato la brutta sorpresa: bottiglie, polistirolo, pezzi di plastica, tutto gettato in mare. 

La proposta all’amministrazione

Gli uccelli migratori che popolano in questo periodo le acque del porto sono costretti a vivere in mezzo ai rifiuti. «Non vogliamo soltanto segnalare il problema – dicono dall’associazione – ma vogliamo fare una proposta all’amministrazione comunale o a chi gestisce il porto: siamo disponibili per dare una mano a ripulire tutta la sporcizia che c’è in acqua. Basta trovare il modo per organizzarci». 

Una proposta che è venuta naturale all’associazione che da sempre di occupa dell’ambiente. Impossibile capire da dove siano arrivati quei rifiuti, se siano stati gettati dalla banchina o se invece siano stati buttati in acqua dalle barche ormeggiate. Certo è che un comportamento del genere rischia di danneggiare un ecosistema delicato come quello del quale hanno bisogno gli uccelli migratori per sopravvivere. 

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected