I Boars salutano Erik Marqvardsen | MaremmaOggi Skip to content

I Boars salutano Erik Marqvardsen

Al termine di una stagione che ha portato la squadra a giocare i playoff di serie B, una cena d’addio per uno degli Ikea Boys entrato nel cuore di tutti
Erik Marqvardsen in versione lanciatore dei Boars
Erik Marqvardsen in versione lanciatore dei Boars

GROSSETO. Il campionato dei BricoOk sarà comunque ricordato a lungo: la prima esperienza in serie B per il nove del presidente-manager Riccardo Ciolfi e di coach Marcello Verni è stato comunque molto positivo.

Una salvezza raggiunta senza troppi problemi e addirittura la qualificazione ai playoff. Purtroppo il Fovea Embers Foggia si è dimostrato più concreto e in tre partite ha passato il turno.

 

Erik Marqvardsen al Casa Mora

 

Il contributo degli “Ikea boys”

I maremmani però si sono rilevati un team consistente, grazie all’esperienza dei tanti veterani e soprattutto dei due nazionali svedesi, gli “Ikea Boys” Erik Marqvardsen e Leonard Backstrom.

La cena di saluto dei Boars a Erik Marqvardsen

«Stasera siamo qui a salutare un nostro compagno di squadra, un amico, che torna a casa dopo una stagione, quella appena conclusa, che ci ha visto arrivare fino alle semifinali per la promozione in serie A. Torna in Svezia, torna al suo lavoro di idraulico e alla sua passione per il baseball; passione che ha condiviso con noi in questi mesi e che lo ha portato qui, a casa nostra, insieme alla sua grandissima professionalità e voglia di fare che lo ha contraddistinto».

«Vogliamo ringraziarlo, grazie Erik per tutto quello che hai fatto, perché il tuo apporto per arrivare dove siamo arrivati è stato fondamentale. Sul monte, nel box, con i consigli che ci hai dato partita dopo partita. Sei stato un amico anche fuori dal campo; bravissimo ragazzo, sempre pacato e sorridente. Ti sei inserito benissimo in questa “banda di disgraziati” che siamo e ci piange il cuore doverti salutare. Buona fortuna per tutto. Un abbraccio immenso “birellone”. Ti vogliamo bene».

 

 

 

 

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected