Giulia e le altre vittime, la Maremma dice no alla violenza | MaremmaOggi Skip to content

Giulia e le altre vittime, la Maremma dice no alla violenza

Decine di iniziativa in tutta la Maremma: flash mob in piazza, teatro, dibattiti per celebrare la Giornata internazionale contro la violenza di genere
La coperta contro la violenza sulle donne realizzata nel 2022

GROSSETO. In tutta la Maremma amministrazioni, associazioni e cittadini, hanno organizzato incontri e assemblee per promuovere la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, il 25 novembre

Un argomento, purtroppo, tornato di estrema attualità dopo gli ultimi fatti di sangue, la lunga, terribile serie di femminicidi. 

In piazza Dante, sabato 25 novembre doppio appuntamento: alle 16,30 sit in promosso dal Collettivo Women Talking , mentre in piazza della Vasca alle 18:30 presidio e flashmob a cura di Collettivə Autonomə Queer Grosseto e assemblea Asterischi***.  

«Sabato 25 novembre 2023 scendiamo in piazza in solidarietà con la famiglia di Giulia, soprattutto con sua sorella Elena – si legge nel comunicato – che in queste ore sta subendo attacchi di ogni sorta, e in solidarietà con tutte le nostre sorelle che subiscono violenza fisica e psicologica». 

In Maremma teatri aperti contro la violenza

La lotta contro la violenza sulle donne si fa anche a teatro. Venerdì 24 novembre,  alle 21, alla Sala Auser “I Tre Saggi” di Follonica, sarà la volta di “Violenza di genere – Il caso di Artemisia Gentileschi”, conferenza a cura della dottoressa Elisabetta Ciacci (psicologa), con incursioni emozionali a cura di Giacomo Moscato. L’evento, moderato da Claudia Dondoli e in collaborazione con gli Studi Medici Serafini di Follonica, sarà organizzato da Spi, sindacato Pensionati Cgil.

Sabato 25 novembre, alle 17, nella sala consiliare del Comune di Roccastrada, concluderà il ciclo la conferenza emozionale “Donne, dee, ninfe – Storie d’amore e di violenza dei miti antichi”, un viaggio nella mitologia alla riscoperta di quei miti che già nell’antichità – pur nel loro tipico linguaggio simbolico – narravano della violenza di genere. L’evento sarà organizzato dal Comune di Roccastrada in collaborazione con la Commissione per le Parità e le Pari Opportunità. 

Tutti gli eventi saranno a ingresso gratuito.  

Il Soroptimist International Club di Grosseto e l’assessorato alla Cultura e Pari Opportunità del Comune di Grosseto domenica 26 novembre alle 18 al teatro degli Industri presentano lo spettacolo “Le parole costruiscono il pensiero”, in occasione dell’Orange Day e la Giornata internazionale di denuncia della violenza sulle donne.

Hanno collaborato alla realizzazione l’associazione Olympia De Gouges e Donne Impresa Toscana della Confartigianato.

Il ricavato sarà devoluto all’associazione Il Mandorlo di Giuncarico che si occupa di prima accoglienza di donne maltrattate accogliendole in una casa rifugio in accordo con enti preposti.

Anche la Cgil celebra la giornata mondiale contro la violenza di genere con un “reading” (lettura pubblica) di testi di donne celebri – “….. se dico Donna….” – interpretati da due attrici del Teatro Studio. L’appuntamento è per sabato 25 novembre alle 16:30, nei locali del centro di promozione sociale Roberto Ciabatti in via De’ Barberi 55 a Grosseto. Un’occasione per riflettere sui rapporti fra uomini e donne a partire da testi incisivi e illuminanti scritti da grandi donne. A promuovere l’iniziativa il coordinamento donne della Cgil e quello delle donne dello Spi Cgil. 

Una mostra in piazza Dante

Sabato 25 novembre, alle 17,30, in piazza Dante Alighieri a Grosseto, davanti al Palazzo della Provincia, sarà inaugurata la mostra “Geometrie senza tempo” dedicata alle donne vittime di violenza e realizzata da La Casa di Hilde, una realtà che nasce nel 2020 all’interno della Misericordia di Piancastagnaio ed è presente con una struttura anche nel comune di Sorano, per accogliere e sostenere nei primi giorni, donne e minori che escono da situazioni di violenza, con la collaborazione di soggetti pubblici, associazioni, imprese e cittadini.

Geometrie senza tempo

La mostra a Grosseto è stata promossa dalla Provincia e dalla Commissione provinciale pari opportunità.

Il giorno conclusivo della mostra, che è il 3 dicembre, alle 17, nella sala Pegaso del Palazzo della Provincia si terrà l’iniziativa “Centomila scarpette rosse”, storie, letture e musiche dal vivo, per il testo e la regia di Senio Nucciotti. Le musiche sono eseguite da: Marina Nucciotti voce, Gianmarco Nucciotti voce, chitarre e banjo, Matteo Benedettelli piano, fisarmonica e synth con la partecipazione di Laura Ciampini che leggerà alcuni brani tratti dal romanzo “Leggere Lolita a Teheran”.

Due giorni di eventi a Pitigliano

Due giorni di eventi a Pitigliano per celebrare la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne. Venerdì 24 novembre, alle ore 17, alla Biblioteca Zuccarelli, dopo i saluti dell’amministrazione comunale, prenderà la parola la dottoressa Giovanna Abate, responsabile del pronto soccorso dell’Ospedale Petruccioli di Pitigliano con l’intervento dal titolo “Il Codice Rosa e il Pronto Soccorso”. A seguire: “La violenza non esce mai dal nulla” a cura della dottoressa Agnese Mattera, Dirigente Psicologa della Zona Distretto Colline dell’Albegna. Seguiranno letture e musica e conclusione con il flash mob “Siamo tutte sul filo”.

Sabato 25 novembre, alle 15,30 all’ex Chiesina di San Michele si terrà l’iniziativa “La donne partigiane”, a cura di Franco Dominici e alle 16.15 la deposizione di un fiore sulla panchina rossa di viale San Michele per tutte le donne vittime di violenza. Al termine flash mob “Siamo tutte sul filo.”

Un gazebo del circolo Fratelli d’Italia

Sempre a Grosseto il circolo cittadino di Fratelli d’Italia organizza per il pomeriggio di sabato 25 novembre, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, un gazebo nel cuore della città.

La campagna dei carabinieri contro la violenza sulle donne

Dalle 16,30 alle 19,30 in corso Carducci (davanti al bar Chalet), i dirigenti comunali e provinciali, assieme alla senatrice Simona Petrucci incontreranno la cittadinanza per sensibilizzare la popolazione su questa tematica, che ogni anno in Italia, vedi l’ultimo orribile episodio di alcuni giorni fa del quale è stata vittima la povera Giulia Cecchettin, colpisce migliaia di donne. Episodi che purtroppo nel Mondo hanno numeri altissimi, con situazioni di violenza sia fisica che psicologica e molto altro.

«Un’occasione, quella della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, nella quale diventa doveroso ricordare tutte le vittime di femminicidio. Violenze che devono essere contrastate in ogni modo a partire dal sensibilizzare ed educare le giovani generazioni al rispetto del prossimo. Sarà un’occasione importante, per sensibilizzare e unire le forze contro la violenza quale essa sia» – conclude il presidente del circolo di Fratelli d’Italia Grosseto, Luca Vitale.

Follonica dice no alla violenza

Questo venerdì 24 alla Sala Tirreno, ci saranno due momenti che coinvolgono studentesse e studenti, insegnanti e genitori: alle 10 e il secondo alle 15,30 con il pedagogista Lamberto Giannini. Per primi verranno presentati i lavori della scuola primaria di primo grado don Milani, delle scuole primarie di secondo grado Arrigo Bugiani e Luca Pacioli, e della scuola secondaria Carlo Cattaneo, sempre in tema di comunicazione violenta e violenza di genere.

Poi nel pomeriggio Lamberto Giannini guiderà il pubblico sul tema del linguaggio degli adolescenti e delle nuove modalità di comunicazione di questi, tra i loro pari e con gli adulti.

Microfoni aperti domenica 26 in piazza Siveri

All’indomani della tragedia di Giulia Cecchetin, che ha colpito in modo estremo l’Italia, per le modalità del femminicidio commesso dal fidanzato, il Comune di Follonica e la commissione per le Politiche di Genere, ha organizzato un appuntamento domenica 26 in piazza Sivieri alle 10.30.

A microfoni aperti. Non serve il silenzio, ma mobilitarsi accogliendo l’appello di Elena Cecchettin, la sorella di Giulia, per una rivoluzione culturale.

Giulia è la 105esima vittima in questo 2023 non ancora finito, e per dire basta alla violenza sulle donne il Comune di Follonica, insieme alla commissione per le Politiche di genere, ha organizzato una manifestazione dal titolo “Non fate un minuto di silenzio per Giulia”.

La manifestazione prevede microfoni aperti: tutte e tutti potranno prendere la parola durante la mattinata per lanciare un messaggio di solidarietà.

All’evento prenderanno parte il sindaco Andrea Benini e la sua giunta insieme alla presidente della commissione per le Politiche di Genere Chiara Marchetti.  

A Castiglione della Pescaia un weekend di riflessione e un flashmob

Nel fine settimana che celebra la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, il Comune di Castiglione della Pescaia lancia un messaggio forte con una serie di iniziative ed eventi per dire No alla violenza di genere. Stop alla violenza sulle donne.

Il primo appuntamento è venerdì 24 novembre alle 17 alla Biblioteca “Italo Calvino” con Fiabe Italiane, che sarà dedicato alle donne. Gli attori di AnimaScenica hanno scelto di raccontare fiabe che affrontano il tema degli stereotipi di genere: “Fantaghirò persona bella”, “Naso d’argento”, “Il vaso di maggiorana”, “La prima spada e l’ultima scopa”, “Zio lupo”.

 Sabato 25 novembre alle 15 ci sarà un flash mob in piazza Orto del Lilli. Un piccolo gesto, un momento di unione collettiva che invita a non rimanere indifferenti per un futuro senza paura.

La Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne si chiuderà a Castiglione della Pescaia con lo spettacolo “Questa donna insopportabile”: alle 18 all’Auditorium delle scuole medie in viale Kennedy, nel quale prenderanno corpo e anima le canzoni di Mina in un viaggio nella sua vita privata ed artistica, ricco di emozioni.

Massa Marittima si mobilita

A Massa Marittima due iniziative per la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne. Venerdì 24 novembre, al mattino per gli studenti del Bernardino Lotti, seminario formativo “Impara, previeni, difenditi” sulla sicurezza femminile e nel pomeriggio l’evento aperto ai cittadini “Guardare oltre si può”, in programma dalle 16, alla Biblioteca comunale Gaetano Badii. 

Il seminario formativo nella scuola, promosso dalla Commissione comunale per la Pari Opportunità è stato fortemente condiviso con il dirigente scolastico, che ha affidato il coordinamento dell’evento alla professoressa Anna Ciaffone. 

Il pomeriggio, alla Biblioteca comunale, il primo intervento dal titolo “Io sono una donna…uccisa da un amore impuro”, sarà a cura della dottoressa Aurida Pardini, dell’Academy Forensic Science e Margherita Procopio, Commissario di Polizia della Questura di Grosseto. Subito dopo le rappresentanti del coordinamento delle donne Spi Cgil proporranno delle riflessioni sulle letture a cura dell’associazione Liber Pater.

Sarà inoltre presentato il progetto sulla toponomastica femminile a cura della Commissione comunale Pari Opportunità di Massa Marittima e parteciperà all’evento un rappresentante di Amnesty International. Intervengono Grazia Gucci, assessore alle Pari Opportunità e Ambra Fontani, presidente della Commissione Pari Opportunità.

Scarpette rosse in vetrina

Scarpe rosse per ribadire il nostro No alla violenza sulle donne. Anche quest’anno Confesercenti è in prima linea contro ogni tipo di violenza di genere. E perché questo No sia ben visibile ha chiesto a tutti i propri soci di allestire le vetrine dei negozi per il 25 novembre.

Le scarpe rosse all’ingresso di Confesercenti

L’idea è che questo giorno non passi inosservato, e soprattutto che non si esaurisca tutto in un giorno, in attesa del prossimo 25 novembre. In tanti hanno deciso di cambiare il minuto di silenzio in ricordo di Giulia, la giovane uccisa dal fidanzato, in un momento di rumore. Perché il silenzio passa troppo spesso inosservato mentre il rumore si fa sentire.

L’invito agli esercenti è a inviare le foto delle loro vetrine allestite e saranno condivise sui social.

Musica, danza e sport a Manciano

Il 25 novembre si celebra la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne e anche il territorio di Manciano sarà coinvolto in alcune iniziative per offrire a tutti una riflessione su un numero importante: decine di donne uccise dall’inizio del 2023 in tutta Italia.

Sabato 25 novembre a Montemerano, in piazza del Castello alle ore 16, si svolgerà un flashmob organizzato dalle società Ginnastica Mancianese, Happy Time, Fit’n dance, Manciano Calcio. In questa occasione saranno messi in vendita dei ciclamini il cui ricavato sarà destinato all’associazione Olympia De Gouges.

L’evento è organizzato dalla Pro Loco di Montemerano e dal centro antiviolenza Olympia, con il sostegno dell’amministrazione comunale. Il Comune, infatti, aderisce all’iniziativa internazionale “Posto occupato”: la campagna di sensibilizzazione sociale, virale e gratuita contro la violenza sulle donne.

Verranno apposte le locandine sui posti riservati per sempre a una donna che avrebbe voluto, potuto e dovuto essere lì: sarà un segno, un monito silenzioso, voce per chi non ha più voce, che suggerisce a tutti di non sottovalutare mai i segnali della violenza e non voltarsi mai dall’altra parte. Inoltre, su tutto il territorio comunale è partita la campagna “La violenza non deve essere pane quotidiano” che vedrà coinvolte le panetterie dei nostri borghi dove verranno diffuse brochure e locandine con il numero antiviolenza e stalking 1522.  

 

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati