Il FolGav si fa riprendere sul campo di Cascina | MaremmaOggi Skip to content

Il FolGav si fa riprendere sul campo di Cascina

La vetta si allontana: il Cascina recupera l’iniziale svantaggio firmato Fontana con il rigore nella ripresa di Remorini
La rete di Fontana
La rete di Fontana

CASCINA (433): Dragone; Puleo (51’ Carli), Pezzati, Bernardini, Lici; Bardini, Geroni, Fiumalbi (51’ Biagioni); Malanchi (51’ Bertolini), Remorini, Mencagli (86’ Naldini). A disp. Rizzato, Rossi, Franceschi, Zaccagnini, Casanova. All. Pulzella.

FOLLONICAGAVORRANO (433): Ombra; Gasco (77’ Grifoni), Dierna, Bruni, Coccia; Arduini (87’ Santapaola), Del Rosso (69’ Origlio), Berardi; Liurni, Fontana (84’ Sylla), Mugelli (64’ Giustarini). A disp. Nannelli, Fremura, Lo Sicco, Rosini. All. Bonura.

ARBITRO: David Kovacevic di Arco Riva, assistenti Filippo Tortolo di Basso Friuli e Carlo De Luca di Merano.

RETI 4’ Fontana (GF), 75’ rig. Remorini (C)

NOTE: recupero: pt 1’, st 5’; ammoniti: Lici, Bardini, Bernardini, Coccia, Origlio, Berardi, Grifoni.

 

CASCINA. Un pareggio per 1-1 che non può soddisfare il FolGav: il Cascina recupera l’iniziale svantaggio firmato Fontana con il rigore nella ripresa di Remorini. Un solo punto che allontana i minerari di Marco Bonura dalla vetta, viste le vittorie del San Donato Tavarnelle (primo con 11 punti di vantaggio) e del Poggibonsi.

CRONACA

3’ Prima occasione per Fontana, tiro centrale parato dal portiere.

4’ Gol del FolGav. Fontana raccoglie un bel filtrante di Coccia e a tu per tu con Dragone, deposita la palla in rete.

17’ Cross pericoloso di Mugelli, Fontana non riesce a impattare il pallone.

40’ Calcio piazzato Liurni, raccoglie Mugelli che calcia fuori.

Il primo termina senza troppi sussulti con il vantaggio dei biancorossoblù, abili a sfruttare una delle poche palle gol di tutta la prima frazione.

51’ Tiro da fuori di Gasco, palla alta.

55’ Punizione da fuori per il Cascina, Geroni calcia alto.

65’ Cascina ancora pericoloso in avanti, sventa la difesa biancorossoblù.

67’ Liurni calcia verso la porta, la palla termina fuori.

68’ I padroni di casa ci provano con Carli, che raccoglie un cross e tira a lato.

71’ Punizione dal vertice dell’area per Liurni, ma il suo tiro viene deviato.

75’ L’arbitro fischia un rigore per il Cascina: dal dischetto si presenta Remorini che non sbaglia e segna il gol del pareggio.

84’ Ci prova Giustarini da posizione defilata, il suo tiro viene deviato in corner dal portiere.

 

Nulla di fatto nel concitato finale e due punti persi per il FolGav che, nonostante il vantaggio iniziale, non riesce a portare a casa una vittoria che sarebbe stata essenziale per non perdere terreno sul treno di testa.

 

Le interviste del dopo gara

Marco Bonura allenatore FolGav

«Nel primo tempo siamo partiti bene, abbiamo fatto gol e abbiamo rischiato poco. Potevamo fare gol con Mugelli sul finire della prima frazione, poi nel secondo tempo abbiamo fatto un po’ di fatica a ripartire e ci siamo abbassati. Il Cascina ha preso un po’ più campo senza creare comunque grossi problemi, poi c’è stato l’episodio del rigore che mi lascia basito, perché mi è sembrato abbastanza regalato dato che il portiere ha preso la palla. Rimane quindi l’amarezza perché sono due punti buttati via. Nel secondo tempo potevamo fare meglio, il rigore ci ha penalizzato.

Mercoledì avremo il recupero a Trestina e una settimana impegnativa piena di incontri, dobbiamo recuperare le forze e preparare una partita difficile. Sarà un match importante dove siamo chiamati a fare risultato.

L’obiettivo per la seconda parte della stagione è fare bene, la squadra è stata allestita per fare un campionato di vertice e questi ultimi due pareggi ci hanno un po’ allontanato dalla vetta. La classifica in questo momento può sembrare difficile, ma abbiamo il dovere di ripartire e già da mercoledì cercare di tenere il passo, bisogna invertire la marcia».

Paolo Balloni presidente FolGav

«È stata una partita giocata a centrocampo, senza troppa incisività da parte nostra in fase offensiva. Abbiamo fatto un gol per un errore nostro e viceversa. Al di là dell’impegno, che non è mancato per tutti i 90 minuti, non siamo riusciti a fare la differenza che volevamo fare, quindi il pareggio è giusto anche se come valori eravamo più forti noi, ma non lo abbiamo fatto vedere fino in fondo. Non siamo riusciti a chiudere la partita e nel secondo tempo un errore difensivo ha causato il rigore per loro e il conseguente gol. Un po’ di turnover era necessario perché avevamo dei ragazzi usciti da poco dal Covid, quindi qualcuno poteva essere un po’ indietro con la preparazione. Oggi era importante vincere, sono due punti persi anche perché davanti continuano ad andare forte. Adesso testa a mercoledì per la trasferta di Città di Castello contro il Trestina».

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati