Finisce con la bici contro l'autobus: l'addio commosso a Michele | MaremmaOggi Skip to content

Finisce con la bici contro l’autobus: l’addio commosso a Michele

L’uomo rimasto ucciso a 46 anni nel drammatico incidente di Follonica lavorava in una ditta di montaggio di ponteggi per l’edilizia. È rimasto schiacciato sotto alla ruota del bus
Michele Saragaglia

FOLLONICA. Era originario della provincia di Potenza, aveva 46 anni e da tempo viveva e lavorava a Follonica, in un’azienda che si occupa di montaggio dei ponteggi per l’edilizia. Michele Saragaglia, è stato travolto e ucciso da un autobus mentre era in sella alla sua bici, all’altezza della rotatoria di via Leopardi. 

Finisce sotto all’autobus sulla rotatoria

Erano le 19.35 quando un passante ha visto l’uomo finire sotto all’autobus della linea extraurbana di At. Un angolo cieco dell’autobus ha tradito l’autista che non si è accorto del 46enne in sella alla bici. 

Saragaglia avrebbe perso il controllo della sua bici e sarebbe finito contro il mezzo di At, restando schiacciato sotto alla ruota.

In quel tratto c’è la pista ciclabile, ma Saragaglia in quel momento non stava pedalando sul tracciato riservato a pedoni e bici. 

Il passante ha cominciato a urlare richiamando l’attenzione dei vigili del fuoco del comando, che si trova a pochi metri da dove è successa la tragedia. i soccorritori hanno cercato di rianimarlo per più di un’ora ma Saragaglia non ha più ripreso conoscenza. 

Sul posto sono intervenuti i carabinieri per i rilievi, mentre la salma è stata portata all’obitorio, a disposizione della Procura. 

Il dolore del fratello

È stato il fratello Gaetano ad annunciare con un post su Facebook, la morte di Michele. Una frase asciutta, piena di dolore: «Buona sera a tutti, stasera in un incidente a Follonica e avvenuto a mancare mio fratello Saragaglia Michele di età 46». 

La notizia della morte di Michele è arrivata come un fulmine a ciel sereno a Lavello, in provincia di Potenza, suo paese d’origine dove oggi lo piangono amici e familiari che si sono stretti alla famiglia. 

L’autista dell’autobus sabato sera è stato portato all’ospedale in stato di choc. Era in mezzo alla carreggiata, distante dalla pista ciclabile, quando il 46enne ha perso il controllo ed è finito sotto al mezzo, restando ucciso. 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati