Ferito con una fucilata, Gastone non ce l'ha fatta | MaremmaOggi Skip to content

Ferito con una fucilata, Gastone non ce l’ha fatta

Il micio, dallo scorso giugno, era stato curato con amore e aveva trovato anche una nuova famiglia. Se n’è andato nella clinica dov’era ricoverato
Addio al gatto Gastone, non ce l'ha fatta
Il gatto Gastone

SCANSANO. Lo scorso giugno era stato ferito con un colpo di fucile. Aveva resistito, nonostante le sue condizioni fossero critiche. E piano piano, grazie all’amore di Cristiano Tesi, che si prende cura da anni della colonia felina di Pancole, della quale Gastone faceva parte, le speranze di sopravvivenza erano aumentate. 

Gastone non riusciva più a camminare: era ricoverato in una clinica veterinaria, dove proprio giovedì 30 novembre Tesi era andato a portargli il carrellino. La situazione, però è precipitata e Gastone se n’è andato

La gara di solidarietà per farlo camminare di nuovo

Tesi, che da tempo si prende cura dei gatti della colonia felina di Pancole, dopo aver trovato Gastone ferito, aveva dato il via a una gara di solidarietà per permettere al micio di avere le cure migliori. 

Dopo aver sporto denuncia ai carabinieri, tutte le sue attenzioni si erano concentrate su Gastone. Per aiutarlo a camminare di nuovo aveva dato il via a una raccolta di fondi per pagare le cure necessarie e acquistare il carrellino. Una volta dimesso, il micio aveva anche trovato una nuova famiglia, dove sarebbe stato accolto proprio in questi giorni. 

Venerdì 1 dicembre, però, le sue condizioni si sono aggravate e Gastone se n’è andato. 

«Lunedì stava bene  – dice Cristiano – ma da martedì la situazione è precipitata giorno dopo giorno. Si sperava che si trattasse di una semplice infezione e di una reazione all’antibiotico ma purtroppo il problema erano i reni compromessi che lo hanno portato al brutto epilogo. Gastone è stato per me più che un figlio, ne abbiamo passate tante insieme, e anche mercoledì nonostante stesse già male si era tirato su sulle zampe e mi aveva dato le testate».
 
 

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati