Emergenza cinghiali, caprioli, daini e piccioni. Enormi danni all'agricoltura Skip to content

Emergenza cinghiali, caprioli, daini e piccioni. Enormi danni all’agricoltura

La denuncia di Coldiretti: la fauna selvatica crea danni enormi all’agricoltura in Maremma. Va rivisto il piano venatorio
Cinghiali, caprioli, daini e piccioni causano enormi danni all'agricoltura
Cinghiali, caprioli, daini e piccioni causano enormi danni all’agricoltura

GROSSETO. Fauna selvatica fuori controllo e danni sottostimati alle coltivazioni. Nelle campagne della maremma cinghiali, caprioli, daini e corvidi hanno causato 260 mila euro di danni solo nel 2022, ma per gli agricoltori sarebbero molti di più.

L’emergenza fauna selvatica è la prima criticità denunciata dalle aziende agricole al pari dei cambiamenti climatici che sta contribuendo all’abbandono delle campagne e alla radicale trasformazione del paesaggio maremmano mettendo a rischio i raccolti, le produzioni agroalimentari di qualità ed il turismo rurale.

A dirlo è Coldiretti Grosseto in occasione della presentazione a Palazzo del Pegaso, a Firenze, promossa insieme all’associazione delle aziende faunistico venatorie, AB Agrivenatoria Biodiversitalia, un pacchetto di tre proposte per ripristinare un equilibrio ecologico che tuteli le aziende agricole, la biodiversità e l’attività venatoria. 

Coldiretti: «Va rivisto il piano venatorio»

Coldiretti Grosseto parte da un principio di fondo: cambiare il punto di osservazione per proporre una riflessione sull’opportunità di aggiornare la legge 3 sulla protezione della fauna selvatica ed il prelievo venatorio per renderla più aderente al nuovo scenario, molto diverso rispetto a quello di trent’anni fa quando fu recepita, e di affrontare la discussione sul nuovo piano faunistico con un approccio più equilibrato.

«La proposta di revisione del piano faunistico venatorio che sarà discussa nelle prossime settimane da ancora per scontato che ci si trovi in una situazione di equilibrio faunistico, ma così non è».

«Il quadro è profondamente mutato. Il numero di ungulati è fuori controllo, i cacciatori sono sempre meno. – spiega Simone Castelli, presidente Coldiretti Grosseto – Le nostre coltivazioni sono diventate il farmer market di cinghiali, daini, caprioli e piccioni ed i nostri campi sono stati ricoperti da chilometri di recinzioni semplicemente per non cambiare la prospettiva attraverso la quale fino ad oggi si è osservata e gestita la fauna selvatica».

«Gli agricoltori devono essere attori ed interpreti delle strategie venatorie future e non più spettatori. È questo lo sforzo ed il coraggio che chiediamo alle istituzioni senza nulla togliere al ruolo fondamentale del cacciatore che riconosciamo e rispettiamo. Noi, che rappresentiamo il mondo agricolo, siamo pronti a fare la nostra parte».

Servono soluzioni di emergenza

Una situazione di emergenza va affrontata con strumenti e soluzioni di emergenza. Il collo di bottiglia è normativo ed è rappresentato dalla legge 3.

«La possibile revisione della legge 3 – spiega Coldiretti Grosseto – va vista come una opportunità prevedono la possibilità di effettuare gli interventi di controllo anche nelle aree protette e nelle aree urbane anche quando la caccia è chiusa oltre a piani di abbattimento straordinari».

La seconda proposta è una rivoluzione in termini concettuali.

«Dove ci sono le coltivazioni, che sono facilmente individuabili attraverso la banca dati di Artea, gli ungulati non devono stare. – spiega ancora Coldiretti Grosseto – È necessario un segnale forte da parte delle istituzioni individuando come zone non vocate alla presenza degli ungulati tutte le aree coltivate».

Il terzo punto riguarda il tema degli indennizzi e dell’iter che devono affrontare per denunciare i danni.

«Le denunce non sono in diminuzione perché ci sono meno ungulati in giro. – prosegue ancora Coldiretti Grosseto – Gli agricoltori preferiscono non denunciare a fronte di indennizzi inadeguati, aggravi burocratici e tempistiche inaccettabili. Per questo i venti milioni di danni denunciati in dieci anni non sono realistici. Più che indennizzo dovremo parlare di rimborso”. 

20 milioni di danni in Toscana. Primi responsabili i cinghiali

Sono oltre 20 milioni i danni denunciati alle coltivazioni dagli ungulati in tutta la regione negli ultimi dieci anni di cui quasi 1,4 milioni solo nel 2022.

La principale calamità è rappresentata dai cinghiali con l’80% dei danni complessivi seguita da caprioli e daini. Su complessivi 260 mila euro di danneggiamenti provocato alle aziende agricole della maremma nel 2022 ben 231 mila euro sono ascrivibili ai cinghiali ed il resto a tutte le altre specie.

Ai primi posti tra le coltivazioni preferite e quindi più danneggiate c’è l’uva, poi i campi di mais e cereali, sia nella fase di semina che maturazione, il favino e le erbe mediche utilizzate per l’allevamento del bestiame.

Ma vanno pazzi anche per lenticchie e legumi, farro ed orzo, castagne ed ortaggi a pieno campo per finire con le piante del bosco e le coltivazioni di girasole.

 

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati