Emanata l’ordinanza di balneazione, via alla stagione turistica | MaremmaOggi Skip to content

Emanata l’ordinanza di balneazione, via alla stagione turistica

Il Comune di Castiglione si prepara ad accogliere i turisti: fino al 30 aprile non serve il bagnino; poi fino al 15 settembre inizieranno i servizi di salvamento
La spiaggia di Castiglione della Pescaia
La spiaggia di Castiglione della Pescaia

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA. Riparte la stagione turistica, almeno quella legata al mare e alla spiaggia.

Con la Pasqua relativamente “bassa”, il comune di Castiglione della Pescaia ha così varato l’ordinanza che regola come gli stabilimenti balneari si devono comportare: le regole disciplinano l’uso della spiaggia e la corretta fruizione del Demanio marittimo per finalità turistico-ricreative, l’esercizio delle attività balneari, la sicurezza della balneazione.

Le novità della stagione 2024. Da metà giugno servizi a regime

La prima novità di quest’anno riguarda proprio l’inizio della stagione turistica che è anticipata al 30 marzo con chiusura posticipata al 27 ottobre. Gli stabilimenti balneari hanno quindi la possibilità di aprire in occasione della Pasqua, sia nei giorni feriali che in quelli festivi, in modo tale che i turisti possano fruire del mare per cure idroterapiche e salsoiodiche.

Dal 30 marzo al 30 aprile gli stabilimenti potranno aprire anche senza effettuare servizi legati alla balneazione, non avendo così l’obbligo del servizio di salvamento (bagnini qualificati), che dovrà essere garantito invece nei weekend e nei festivi dal 1 maggio fino al 14 giugno, così come avverrà dal 16 settembre al 27 ottobre. Poi dal 15 giugno al 15 settembre gli impianti balneari dovranno essere completamente attivi con tutti i servizi, compresi quelli di salvamento.

I bagnini saranno dotati dei defibrillatori e dell’ossigeno

Per adeguarsi alle prescrizioni del Piano collettivo di salvataggio i gestori delle strutture balneari dovranno dotare i bagnini assegnati alle torrette, qualora maggiorenni, di brevetto Blsd (Basic life support – defibrillation) e nella strumentazione dovrà essere incluso un defibrillatore semiautomatico. In via sperimentale per questa stagione, i bagnini potranno essere dotati anche di brevetto per la somministrazione di ossigeno, per il quale il Comune effettuerà a proprie spese un corso formativo.

I cani possono entrare negli stabilimenti, ma solo accompagnati dal proprietario

I cani, accompagnati dal proprietario, hanno accesso a tutti gli stabilimenti balneari con guinzaglio e museruola qualora previsto dalle norme statali, purché non creino disturbo o danno agli altri fruitori.

Qualora i gestori volessero adottare misure limitative all’accesso dei cani, fatta eccezione naturalmente per i cani guida di non vedenti e quelli per il soccorso in acqua, dovranno comunicarlo al sindaco prima dell’inizio della stagione balneare e affiggere il cartello di “divieto di accesso agli animali di affezione nei locali”.

Cani e animali d’affezione potranno invece godere del mare nelle spiagge a loro dedicate, le “Bau Beach” in località Le Marze, le Rocchette e a Punta Ala; è vietato l’accesso ad animali negli altri tratti di spiaggia libera del territorio comunale, nel rispetto dei bagnanti che fruiscono dell’arenile, durante la stagione balenare.

Dal 15 giugno al 15 settembre è vietato l’accesso di cavalli ed equini in generale alle aree demaniali marittime ricadenti nel territorio del Comune di Castiglione della Pescaia. Negli altri periodi dell’anno, e nel caso di manifestazioni specifiche organizzate in alcuni tratti dell’arenile, l’accesso è consentito solo previa autorizzazione.

Il testo completo dell’Ordinanza di balneazione è pubblicato sul portale istituzionale del Comune al seguente link https://comune.castiglionedellapescaia.gr.it/ordinanze/ordinanza-di-balneazione-n-752024/ 

La sindaca Nappi: «Castiglione si conferma comune innovatore»

«Un’ordinanza che va sempre più incontro alle esigenze di sicurezza dei fruitori delle nostre spiagge – ha spiegato la sindaca Elena Nappi – e alla nostra politica di allungamento del periodo di accoglienza. Ma anche con l’aumento della professionalità dei nostri assistenti bagnanti. Per primo in Italia il comune di Castiglione della Pescaia inserisce in questo documento, in via sperimentale, l’utilizzo da parte dei bagnini della bombola d’ossigeno, dopo aver finanziato il corso abilitante al suo utilizzo per tutti i collaboratori del proprio piano di salvamento».

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati