Ecco la mediateca digitale della Maremma. Un patrimonio in immagini | MaremmaOggi Skip to content

Ecco la mediateca digitale della Maremma. Un patrimonio in immagini

La Provincia affida all’associazione Kansassiti i locali di via Chiasso delle Monache: ci verrà la Mediateca digitale della Maremma
I locali della Provincia in Chiasso delle Monache dove nascerà la Mediateca della Maremma
I locali della Provincia in Chiasso delle Monache dove nascerà la Mediateca della Maremma

GROSSETO. Nuova vita per i locali della Provincia in Chiasso delle Monache: dopo tante polemiche ha affidato all’associazione Kansassiti aps, tramite procedura ad evidenza pubblica, la concessione triennale in comodato d’uso gratuito dell’immobile. E ci verrà la Mediateca digitale della Maremma.

Siamo in pieno centro storico. In questo modo si darà vita, con la collaborazione della rete di associazioni aderenti al progetto, ad un centro aggregativo per giovani talenti, competenze e creatività, che possa contribuire al fermento culturale della città.

Le associazioni coinvolte nel progetto:

  • Kansassiti Aps;
  • Clan Aps;
  • via dell’Orto aps;
  • Storie di Cinema Aps;
  • Clorofilla;
  • Circolo Festambiente Aps;
  • Archivio Foto Gori aps;
  • Circolo Arci Khorakhanè Aps;
  • Arci Comitato Territoriale di Grosseto in collaborazione con Simurg Ricerche. 
Da sinistra Pietro Ceciarini della cooperativa comunità Maremma Le Vie, Francesca Ciardiello, Francesco Limatola, Alice Coiro e (dietro con gli occhiali scuri) Francesco Ciarapica di Kansassìti, Lorento Rossi Arci Grosseto, Gabriele De Stefano di Kansassìti
Da sinistra Pietro Ceciarini della cooperativa comunità Maremma Le Vie, Francesca Ciardiello, Francesco Limatola, Alice Coiro e (dietro con gli occhiali scuri) Francesco Ciarapica di Kansassìti, Lorenzo Rossi Arci Grosseto, Gabriele De Stefano di Kansassìti

Una Mediateca digitale: qui il recupero delle vecchie bobine

Il progetto denominato “Mediateca, Memoria Libera” prevede di realizzare nell’immobile di via Chiasso delle Monache di proprietà della Provincia, la sede della Mediateca digitale della Maremma, allestendo gli spazi con attrezzature innovative dedicate alla scannerizzazione e al recupero delle vecchie bobine e con postazioni monitor ad altissima risoluzione per la visione in streaming dei materiali recuperati.

Fu la Provincia di Grosseto nel 2008 a finanziare la realizzazione di un catalogo e la digitalizzazione di oltre 100 pellicole girate in Maremma allo scopo di salvaguardare il patrimonio filmico del territorio. Il progetto consentirà, dunque, di proseguire e ampliare il percorso avviato.

Le altre numerose associazioni coinvolte, avvalendosi di una collaborazione già avviata, proporranno delle attività per coinvolgere le nuove generazioni in esperienze legate alle arti visive e al linguaggio audiovisivo. Incontri, dibattiti e laboratori, saranno al centro della proposta progettuale insieme alla rigenerazione urbana degli spazi.

Tutte le attività saranno inclusive, gratuite e guidate da operatori esperti.

Limatola: «Un contributo per rivitalizzare il centro storico»

«È il nostro piccolo contributo alla rivitalizzazione del centro storico di Grosseto – commenta il presidente della Provincia di Grosseto, Francesco Limatola – mettiamo a disposizione della città uno spazio di ben 138 metri quadrati, al piano terra di un immobile di proprietà della Provincia, che si trova in una posizione strategica nel centro storico».

«Il progetto che è stato selezionato apre interessanti possibilità per trasformare questo luogo, che prima ospitava degli uffici pubblici, in un centro di aggregazione sociale, in cui sviluppare iniziative in grado di proiettarsi all’esterno con benefici per tutta la comunità. Oltre alla rigenerazione dell’immobile che torna a nuova vita, crediamo che attraverso il progetto, da questo luogo potranno nascere nuove opportunità per i giovani e nuove iniziative imprenditoriali».

Tra le varie azioni è prevista anche la predisposizione di una sala montaggio e post-produzione video e la realizzazione di una biblioteca ad uso pubblico indirizzata in primo luogo agli studenti del corso di Scienze storiche del patrimonio culturale del Polo universitario grossetano, con oltre 100 volumi e manuali sul cinema e una preziosa collezione di oltre 200 sceneggiature di film mai realizzati.

«Siamo felici dell’opportunità concessa – ha dichiarato Francesco Ciarapica, presidente dell’associazione Kansassiti – lo spazio del Chiasso delle Monache ha tutte le potenzialità per divenire un punto di riferimento per la città».

«Strategicamente situato nel cuore del centro storico e a pochi passi dall’università, lo immaginiamo come un contenitore multidisciplinare capace di unire elementi di intrattenimento a necessari e costanti percorsi di studio, approfondimento e ricerca».

«Finalmente la Mediateca Digitale della Maremma – alla quale il ministero della cultura attribuisce dal 2021 contributi per le attività e alla quale riconosce un alto valore a livello nazionale – ha una casa. Ringraziamo la Provincia di Grosseto e gli altri partner del progetto».

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati