Disboscano la macchia per fare una posta per la caccia, sanzionati Skip to content

Disboscano la macchia per fare una posta per la caccia, sanzionati

Castiglione della Pescaia: nella zona sono state eradicate almeno 130 piante, per far spazio ad una zona di appostamento fisso agli uccelli
La zona disboscata per creare l'appostamento fisso per la caccia agli uccelli
La zona disboscata per creare l’appostamento fisso per la caccia agli uccelli

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA. Avevano disboscato una zona molto ampia, per trasformarla in posta per la caccia.

I carabinieri forestali di Grosseto, nello svolgimento di controlli tesi alla verifica del rispetto delle normative che regolano l’attività di caccia, hanno scoperto che un’area situata nel Comune di Castiglione della Pescaia, dove crescevano piante arboree e arbustive tipiche della macchia mediterranea, era stata in buona parte modificata.

Eradicate 130 piante per creare l’appostamento fisso

Nel sito erano state eradicate almeno 130 piante, per far spazio ad una zona di appostamento fisso alla minuta selvaggina (volatili).

Le piante eliminate erano di vario tipo: leccio, orniello, erica, mirto, fillirea, lentisco, corbezzolo, che sono state prima tagliate poi bruciate.

I militari hanno potuto constatare che queste operazioni, avvenute nel corso degli anni, hanno di fatto compromesso e modificato in maniera irreversibile il bosco ceduo, che oggi è invece un terreno a pascolo cespugliato.

Prede più facili per i cacciatori

Un tipo di area così creata favorisce infatti la sosta dei volatili, che in questo modo si possono rendere prede più facili per i cacciatori.

La superficie interessata è risultata di 1500 metri quadrati circa, ed i responsabili sono stati sanzionati per violazioni alle normative paesaggistiche, e per aver eseguito attività di disboscamento in assenza di autorizzazione.

Le violazioni accertate sono state comunicate anche al Comune di Castiglione della Pescaia ed alla Soprintendenza per i beni culturali ed ambientali.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati