In corso Carducci c'è accucciato un cane di sabbia | MaremmaOggi Skip to content

In corso Carducci c’è accucciato un cane di sabbia

Un giovanissimo artista rumeno realizza spettacolari sculture di sabbia. Ci ha messo 4 ore per fare il cane in piazza Socci
Il cane di sabbia davanti al monumento di Ettore Socci
Il cane di sabbia davanti al monumento di Ettore Socci

GROSSETO. Questa mattina, venerdì 22 marzo, chi cammina per il corso rimarrà piacevolmente sorpreso nel trovare un cane di sabbia accoccolato di fronte alla statua di Ettore Socci.

L’autore dell’opera si chiama Ionut Mihai, ha 18 anni e arriva dalla Romania. In Maremma con il cugino, Ionut ha imparato da autodidatta nella sua terra natia l’arte delle sculture di sabbia e oggi vive, come artista di strada, di questo.

Quattro ore per realizzare il cane di sabbia

Timido e impacciato risponde alle nostre domande e ci racconta che ha impiegato quasi quattro ore per dare vita a questo cagnolone di sabbia e non c’è una persona che, passando, non si fermi ad ammirarlo e a complimentarsi con il giovane.

Gli ingredienti per la creazione della scultura sono pochi, racconta Ionut, bastano acqua, colla e sabbia; ma quello che non deve mancare però è una dose infinita di immaginazione e fantasia.

Se passate dal corso buttateci un occhio: Ionut parla pochissimo italiano, ma il suo sorriso quando ammirate la sua opera, vale più di mille parole.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati