Col nuovo anno una stangata di aumenti per oltre 1000 euro | MaremmaOggi Skip to content

Col nuovo anno una stangata di aumenti per oltre 1000 euro

Secondo Federconsumatori i rincari toccheranno tutti i settori, i più alti sulle tariffe luce e gas. Gli aumenti voce per voce. Romualdi: «Occhio a chi promette senza tutele»
In arrivo aumenti su gas, luce, acqua, spesa e non solo, circa 1000 euro a famiglia
In arrivo aumenti su gas, luce, acqua, spesa e non solo, circa 1000 euro a famiglia

GROSSETO. Non si ferma la corsa ai rincari anche nel 2024: secondo l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori si prospetta un aggravio di oltre 1.011,26 euro annui per ogni famiglia.

Una tendenza che sembra ormai una costante, senza soluzione di continuità. Dopo un 2023 in cui i rincari non hanno fermato la loro corsa, il 2024 dunque non sarà da meno.

Federconsumatori: «I maggiori aumenti da luce e gas»

Proprio Federconsumatori ha calcolato che l’andamento al rialzo delle bollette sarà trainato ancora una volta dall’aumento dei prezzi dei beni energetici, che crescono soprattutto sulla spinta del gas, e anche di quella della “luce” partendo dall’eliminazione dello sconto sull’Iva e sugli oneri di sistema.

Il passaggio al mercato libero farà innalzare mediamente le tariffe, più care di quelle che fino ad oggi sono state garantite dal mercato tutelato. Una situazione che interessa 10 milioni di cittadini.

Non mancano poi i rincari in campo alimentare, della ristorazione, dei trasporti, dell’assicurazione auto e del servizio idrico e di smaltimento rifiuti, delle tariffe e imposte locali.

Giorgio Romualdi, presidente provinciale Grosseto Federconsumatori

Il presidente provinciale di Federconsumatori Romualdi: «Servono misure a sostegno delle famiglie»

«La stangata in arrivo con il nuovo anno si abbatterà su una situazione già duramente compromessa – spiega Giorgio Romualdi, presidente provinciale di Federconsumatori – da questi anni di rincari e di rinunce: per tale ragione abbiamo chiesto al governo, insieme ad altre associazioni, un impegno più mirato e incisivo sulle misure di sostegno alle famiglie e ai meno abbienti. E sulla lotta alle crescenti disuguaglianze».

«Purtroppo la Legge finanziaria appena approvata va in direzione opposta, con misure parziali e a tempo determinato, incidendo in modo indiscriminato sulle persone e non in modo strutturale».

Federconsumatori annuncia iniziative, anche nella provincia di Grosseto

«La nostra azione di sensibilizzazione ed informazione proseguirà nella provincia di Grosseto – aggiunge Romualdi – su vari temi, come l’energia con convegni pubblici ed incontri con le associazioni del volontariato»

«I cittadini devono essere informati per poter scegliere in modo mirato e consapevole i gestori dell’energia, evitando così di affidarsi al primo operatore che presenta offerte senza confronti. Inoltre chiediamo il mantenimento dei bonus sociali e sullo sconto Iva nel settore energetico e riteniamo indispensabile creare un Fondo contro la povertà energetica».

Serve, secondo Federconsumatori, una rimodulazione delle aliquote Iva sui generi di largo consumo, accompagnandola con misure sanzionatorie di controllo, che consentirebbe alle famiglie di risparmiare oltre 531,57 euro annui.

«Contrastare le disuguaglianze significa anche reperire risorse laddove sono state accumulate maggiormente – conclude Romualdi – E per raggiungere l’obiettivo che ci siamo dati occorre un serio piano di contrasto all’evasione e all’elusione fiscale, a partire dai territori locali. A tale proposito abbiamo intrapreso nella nostra provincia iniziative con la Cna di Grosseto contro “l’abusivismo professionale” e stiamo attuando una campagna “Io sono Originale“ contro la contraffazione dei prodotti e per il controllo della filiera agroalimentare». 

Di seguito, nel dettaglio, le prime stime degli aumenti previsi in ogni settore 

PREVISIONI AUMENTI 2024 EURO ANNUI AUMENTO IN %
ALIMENTAZIONE 355,18 € 4,78%
ASSICURAZIONI AUTO 73,09 € 5,03%
COSTI BANCARI 18,50 € 2,53%
TARIFFE AUTOSTRADALI 2,87 € 3,03%
TRASPORTI 127,51 € 2,29%
TARI 26,14 € 4,05%
TARIFFE LUCE E GAS 158,25 € 6,90%
TARIFFA ACQUA 8,97 € 1,32%
TARIFFE PROFESSIONALI-ARTIGIANI 54,91 € 2,47%
PRODOTTI E SERVIZI PER LA CASA 82,17 € 2,58%
SCUOLA (MENSE E LIBRI) 12,61 € 2,21%
PRESTAZIONI SANITARIE 32,33 € 2,37%
RISTORAZIONE 49,31 € 3,04%
COMUNICAZIONI 9,42 € 0,84%
TOTALE 1.011,26 €  

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati