Chiude il Fanta a Gavorrano. Resta solo al mercato coperto | MaremmaOggi Skip to content

Chiude il Fanta a Gavorrano. Resta solo al mercato coperto

La famiglia Fantini ha deciso di chiudere il ristorante con la palla blu che si vede dall’Aurelia. Rimane sono al mercato di Follonica. I motivi
Chiude il Fanta a Gavorrano
Chiude il Fanta a Gavorrano

FOLLONICA. Chiude il Fanta. Il ristorante, situato in località Camporotondo, sulla strada del Pelagone, non riaprirà.

L’attività della famiglia Fantini si è interamente spostata al mercato coperto di Follonica, in piazza XXIV maggio, dove “Il Fanta al Mercato” ha aperto il proprio stand da circa un anno. «Questo per noi è stato un anno di prova – racconta il proprietario Marco Fantini – da ora in poi ci troverete unicamente qua».

Il giardino del ristorante il Fanta, a Gavorrano
Il giardino del ristorante il Fanta, a Gavorrano

Chiude il Fanta: «Da oggi solo al mercato coperto di Follonica»

Il ristorante, iconico e instagrammabilissimo, con la sua Plasteroid (l’opera di Jacopo Foggini visibile dall’Aurelia) e i colori pastello delle assi dipinte, ha chiuso i battenti da un mese. Per qualche tempo (un anno circa), le due attività si sono affiancate, fino alla chiusura definitiva del ristorante e merendoteca situata nei dintorni di Gavorrano.

«L’attività ristorativa andava calando – continua Fantini – le esigenze delle persone sono molto cambiate negli ultimi tempi. Abbiamo quindi deciso di reinventarci, proponendo un’alternativa al passo con i tempi, una ristorazione più semplice e self-service»

250 coperti ogni giorno

Al “Fanta al mercato” è possibile ordinare da asporto o prenotare un tavolo, scegliendo da un menu che propone primi e secondi di carne e pesce, panini gourmet e pizza. «L’affluenza è tanta – spiega ancora Fantini – siamo intorno ai 250 coperti al giorno. Un numero importante, dato che siamo aperti solo all’ora di pranzo. L’apertura a cena è prevista soltanto in occasione di serate organizzate». 

Che ne sarà del Fanta?

Non ci sono notizie riguardo il futuro della struttura. Licenza e gestione sono ancora nelle mani della famiglia Fantini. Concluso il progetto del Fanta, sembra improbabile ipotizzare l’apertura di una nuova attività di ristorazione, almeno nel breve periodo. 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati