«Chiedo scusa a mio nipote», il messaggio sul frigo abbandonato | MaremmaOggi Skip to content

«Chiedo scusa a mio nipote», il messaggio sul frigo abbandonato

Una richiesta di perdono sulla strada del Peruzzo: la strana scritta spuntata nella discarica accanto ai cassonetti

ROCCASTRADA. Sulla strada del Peruzzo, tra Sassofortino e Roccatederighi, un frigorifero abbandonato tra i rifiuti reca un messaggio curioso: «Devo lasciare un biglietto a mio nipote: la richiesta di perdono per non avergli lasciato un mondo migliore di quello che è».

«Chiedo scusa a mio nipote», il messaggio sul frigo abbandonato

Il frigorifero, abbandonato su uno spiazzo accanto a bidoni della spazzatura, è circondato da cartoni dimessi e rifiuti di varia natura.

Uno spiazzo su cui, come segnala una cittadina, ogni giorno vengono abbandonati armadi, poltrone ed elettrodomestici di ogni tipo: «Sarebbe sufficiente depositarli all’isola ecologica di Roccastrada, che dista pochi chilometri, e dove il ritiro è gratis – commenta – ed è un peccato che siano abbandonati qui, dal momento che, percorrendo la strada, è possibile scorgere l’Argentario e la Corsica. Non è certamente un bel biglietto da visita».

Una richiesta di perdono

Parole che esprimono un profondo sentimento di amarezza, con tutta probabilità avvertito anche da chi ha deciso di incidere il messaggio su uno degli elettrodomestici indebitamente scaricati sullo spiazzo, un frigorifero lasciato in stato di abbandono ormai da diverso tempo.

Una richiesta di perdono da parte di un nonno o di uno zio che, vista la maleducazione e l’inciviltà testimoniata da simili gesti, si rammarica per non aver contribuito abbastanza alla creazione di un mondo migliore, rispettoso degli altri e dell’ambiente, da lasciare in eredità a un nipote al quale si sente in dovere di chiedere scusa. 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati