Centinaia di chili di droga: arrestato trafficante | MaremmaOggi Skip to content

Centinaia di chili di droga: arrestato trafficante

Maxi blitz dei carabinieri: scoperte quattro organizzazioni, 70 persone in carcere. Il traffico si sviluppava tra Italia, Albania, Olanda, Spagna, Germania, Regno Unito, Svizzera. Disposto il sequestro di beni per 5 milioni di euro
I carabinieri (foto d’archivio)

GROSSETO. C’è anche un albanese di 36 anni residente a Grosseto tra le 70 persone raggiunte da un ordine di custodia cautelare in carcere disposto dal giudice per le indagini preliminari Fabio Gugliotta, su richiesta della Dda di Firenze.

Indagine, quella fatta in collaborazione con la Procura speciale anticorruzione e anticriminalità organizzata di Tirana (Spak), Eurojust, Europol e Interpol che ha portato l’iscrizione nel registro degli indagati di 92 persone, delle quali otto ai domiciliari e quattro con obblighi di presentazione in caserma.  

Quattro le organizzazioni criminali smantellate, tutte dedite al traffico di droga. Cocaina, marijuana, hashish, Mdma ed eroina: si poteva trovare di tutto, dagli albanesi che agivano tra Italia. Albania, Spagna, Olanda, Germania, Regno Unito e Svizzera. 

50 chili di coca spacciati al mese

È un’indagine che viene da lontano, quella dei carabinieri, cominciata con il blitz in un appartamento a Firenze, dove furono trovati 2 chili di marijuana in un sottoscala di un palazzo. In quella casa, i militari misero le microspie e grazie alle intercettazioni, hanno scoperto che da quello stabile un trafficante agiva a livello internazionale. La droga partiva per l’ Olanda, per la Spagna e per la Francia. 
Tra i reati, è contestata l’associazione a delinquere a carattere transnazionale finalizzata a traffico e spaccio di stupefacenti. Per questo, a carico degli indagati, è stato disposto un sequestro preventivo di beni per 5 milioni di euro. 

Tra i destinatari della misura cautelare da scontare in carcere c’è anche un 36enne di origini albanesi residente a Grosseto. L’uomo, per l’organizzazione criminale, avrebbe svolto il ruolo di trafficante

I carabinieri hanno trovato depositi bunker, armi (pistole), il libro mastro del traffico gestito dalle organizzazioni da cui si ricava una stima di 50 chili di cocaina smerciati al mese

Consegna 89 chili di erba e sparisce

Per la maggior parte, la droga arrivava dall’Olanda o dall’Albania, in questo caso via mare. Poi raggiungeva Firenze dove veniva stoccata. Una parte consistente, invece, prendeva la strada di Casalecchio di Reno, in provincia di Bologna, dove i carabinieri hanno accertato la presenza del 36enne residente a Grosseto, sorpreso con diversi chili di marijuana. In un’occasione, aveva consegnato 89 chili di erba ad altri due appartenenti all’organizzazione.

A Casalecchio, hanno poi scoperto i carabinieri, c’era anche l’officina meccanica di cui si servivano le bande per modificare i furgoni. Ed infatti, il 36enne utilizzava proprio uno di questi per svolgere il suo compito, che era quello di corriere con compiti di staffetta. Non solo, all’uomo, che il giorno dopo la consegna dello stupefacente è partito per l’Albania senza più rientrare in Italia, è stato riconosciuto anche un altro ruolo. Quello di procacciatore di clienti per l’organizzazione criminale. 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati