Banda delle casseforti, indaga la polizia | MaremmaOggi Skip to content

Banda delle casseforti, indaga la polizia

Due furti simili in pochi giorni: gli uomini della questura hanno intensificato i controlli per incastrare la banda di ladri
Una volante della polizia
Una volante della polizia

GROSSETO. Prima c’è stato il colpo al Maremà, dove è stata tagliata con un frullino la cassaforte che si trovava sul retro del negozio di abbigliamento per bambini Original Marines, poi, soltanto questa mattina poco dopo l’una, il furto alla farmacia del Casalone, che si trova all’interno del centro commerciale Aurelia Antica.

Due colpi che sono stati studiati fin nei minimi dettagli e sui quali ora sta indagando la polizia che già da oggi, mercoledì 20 ottobre, ha intensificato i controlli proprio per acciuffare la banda che da qualche settimana sta seminando il terrore nelle attività artigianali e commerciali della città. Nel mirino dei ladri, infatti, sono finite soprattutto le casseforti: smurate, aperte con il frullino, portate via intere.

Il personale delle volanti e gli uomini del reparto scientifica della polizia hanno fatto un sopralluogo sia nel negozio Original Marines che alla farmacia del centro commerciale Aurelia Antica. La cassaforte della farmacia, a differenza di quella sul retro del negozio per bambini che è stata aperta con un frullino, non era stata chiusa martedì sera. E non c’erano tanti soldi, per fortuna. Ma i danni sono stati ingenti: la porta a vetro recentemente sostituita è stata sfondata con un tombino.

Gli uomini della questura hanno intensificato i controlli in tutta la città, a caccia della banda delle casseforti. Un gruppo che secondo gli investigatori è ben organizzato e si è specializzato in questo tipo di attività criminale.  Servizi organizzati, quelli degli agenti della questura, per acquisire informazioni utili a incastrare la banda che sta tenendo sotto scacco le attività artigianali e commerciali della città.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected