Automedica senza medico, l'Asl: «Tutti i sindaci hanno approvato» | MaremmaOggi Skip to content

Automedica senza medico, l’Asl: «Tutti i sindaci hanno approvato»

Il direttore dell’emergenza urgenza replica a Vivarelli Colonna: «Restano due automediche a Grosseto, in una ci saranno 2 infermieri»
Un'automedica su un incidente in città, il dottor Mauro Breggia e il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna
Un’automedica su un incidente in città, il dottor Mauro Breggia e il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna

GROSSETO. Sul taglio dell’automedica l’Asl replica al sindaco di Grosseto, Antonfrancesco Vivarelli Colonna. Spiegando che la nuova organizzazione su Grosseto è identica a quella su Siena e Arezzo. E che il nuovo assetto è stato condiviso dalla conferenza dei sindaci.

Breggia: «L’organizzazione è conforme agli standard di qualità e sicurezza»

In merito alle dichiarazioni del sindaco Vivarelli Colonna uscite sui media locali, Mauro Breggia, direttore del dipartimento emergenza-urgenza della Asl Toscana sud est prende atto delle preoccupazioni espresse e rassicura il primo cittadino e i grossetani.

«Rispetto all’organizzazione attuale del servizio di emergenza sul territorio con due automediche, la città di Grosseto continuerà ad avere a disposizione due mezzi di soccorso avanzato, con l’unica variazione che in uno saranno presenti due infermieri e nell’altro resteranno, come adesso, un medico e un infermiere, oltre a personale volontario».

«Questo modello è lo stesso già adottato a Siena e ad Arezzo e corrisponde agli standard di qualità e sicurezza dell’assistenza previste dalla normativa odierna».

«Il nuovo assetto approvato da tutti, sindaci compresi»

«Il nuovo assetto organizzativo ha ricevuto l’approvazione della conferenza dei sindaci, rappresentanti le autonomie locali; allo stesso modo è stato condiviso con i comitati di specialistica ambulatoriale, pediatria, medicina generale, comitato di partecipazione, ordini dei medici e degli infermieri, organizzazioni sindacali della dirigenza, del comparto e dei confederali e pensionati».

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati