Arrivati in Ucraina gi aiuti spediti da Grosseto | MaremmaOggi Skip to content

Arrivati in Ucraina gi aiuti spediti da Grosseto

Contengono prodotti e presidi sanitari inviati dalla Croce Rossa per fornire cura e assistenza ai pazienti in diversi presidi medici. Il ringraziamento di don Stepan Tkhoryk della parrocchia dell’Addolorata
Don Yevhen e i pacchi della Croce Rossa
Don Yevhen e i pacchi della Croce Rossa

GROSSETO. Un grazie speciale quello arrivato alla Croce Rossa cittadina. È stato lanciato da don Stepan Tkhoryk della parrocchia dell’Addolorata. «Con gioia vi vogliamo informare – scrive il parroco ucraino – che i pacchi che i vostri operatori hanno aiutato a preparare, insieme alla documentazione utile a superare il confine, sono già arrivati alla parrocchia greco-cattolica della Natività della Vergine Maria a Smykivtsi (nella regione di Ternopil)».

«Don Yevhen ha ricevuto personalmente i pacchi e ringrazia di cuore tutto il personale della Croce Rossa di Grosseto e il presidente Hubert Corsi – continua don Stephan – per la vicinanza e per esser sempre pronti quando c’è bisogno di dare una mano».

Un aiuto per l’assistenza medica

Nei pacchi c’erano prodotti e presidi sanitari per fornire cura e assistenza ai pazienti di presidi mediche. «Il vostro aiuto è stato fondamentale – dice don Stepan – perché solo grazie al tramite dell’emblema di Croce Rossa il materiale può giungere a destinazione senza problemi e senza costi aggiuntivi. Adesso tutti questi pacchi verranno distribuiti alle persone che sono in grande difficoltà e alle famiglie ferite e vittime dei bombardamenti».

«La comunità ucraina di Grosseto – conclude il prete – vi ringrazia e speriamo che in futuro la preziosa collaborazione possa continuare. Così riusciremo a fare insieme tante cose buone nel nome dell’amore verso il prossimo e nel nome dell’umanità».

Anche Cri Grosseto, per voce del suo presidente, ringrazia e saluta don Stepan estendendo un abbraccio solidale a tutta la comunità ucraina della nostra città.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati