Alle Clarisse arriva la mostra “Dune - Arti Paesaggi Utopie” | MaremmaOggi Skip to content

Alle Clarisse arriva la mostra “Dune – Arti Paesaggi Utopie”

Da giovedì 7 dicembre a domenica 7 gennaio saranno presentati video, foto e alcune opere dell’edizione 2023 del progetto di Accademia Mutamenti e Parco Regionale della Maremma
Una delle performance di Dune

GROSSETO.  L’arte immersa nella natura in uno dei luoghi più belli e incontaminati della Toscana, il Parco regionale della Maremma.
Giovedì 7 dicembre alle 18 al Polo Culturale Le Clarisse inaugura la mostra Dune – Arti Paesaggi Utopie, che vuole rappresentare nel contesto museale il ciclo di esperienze artistiche del vasto progetto di “Arte nella natura”, che si è svolto in diversi luoghi del Parco regionale della Maremma dal 24 agosto all’8 ottobre: video documentari e d’arte, foto, frammenti di alcune installazioni artistiche, e una importante novità: l’anteprima delle prime sperimentazioni di riprese in 3D di opere e ambienti naturali, che sarà possibile vedere in due modalità, da uno schermo touch-screen e attraverso visori di realtà virtuale.

La mostra abbraccia l’intero arco delle feste natalizie e si concluderà domenica 7 gennaio 2024. L’ingresso è gratuito e sarà possibile visitarla dal giovedì alla domenica.

Arte e natura in un unico progetto

“Dune” è un progetto di Accademia Mutamenti e del Parco regionale della Maremma, ideato e diretto da Giorgio Zorcù, con la collaborazione e la consulenza di Clan, cooperativa Silva e associazione Alcedo. A sostenere le attività sono il Ministero della Cultura, la Regione Toscana, il Comune di Grosseto e la Fondazione Cr Firenze con la collaborazione di Fondazione Grosseto Cultura, Polo Universitario Grossetano, Polo Bianciardi, Pro Loco Alborensis, Pro Loco Marina di Grosseto e Principina a Mare, Museo Santa Maria della Scala di Siena, CasermArcheologica di Sansepolcro, Corpi sul Palco di Milano.

«Il 2023 – spiega Giorgio Zorcù – è stato un anno particolarmente ricco e articolato, grazie all’intesa con la presidenza del Parco e ai contributi fondamentali del Ministero della Cultura, che ha riconosciuto “Dune” come progetto di rilevanza nazionale, della Regione Toscana con il bando Toscanaincontemporanea, del Comune di Grosseto e della Fondazione CR Firenze. Tanti gli appuntamenti, che hanno declinato l’incontro tra arte e natura in una molteplicità di forme che hanno fatto riscoprire, valorizzare e abitare in modo nuovo i sorprendenti paesaggi all’interno del Parco».

Le tappe del progetto

Al centro c’è stato il tradizionale campus creativo di “Arte nella natura”, una residenza artistica che ha visto lavorare insieme per una settimana nell’area della Femminella, ai confini con Principina a Mare, quindici giovani artisti selezionati da una call nazionale, insieme a maestri, curatori, video-maker e fotografi, tecnici e organizzatori, una stagista del Polo universitario Grossetano e la troupe di riprese 3D dell’Italia 3D Academy di Pisa. Presentando opere e performance nelle due giornate e serate del 16 e 17 settembre.

La presentazione della mostra alle Clarisse

Dal 24 agosto al 2 settembre protagonista è stato il fiume Ombrone con la sezione “Racconti sul fiume”, con due serate alla storica Bilancia Sellari, dedicate a Italo Calvino, che hanno visto protagonisti Sara Donzelli e Stefano Cocco Cantini: un luogo avviato ad essere un nuovo suggestivo spazio di incontri culturali. Poi la sorpresa forse più grande: il viaggio in canoa degli spettatori, al tramonto, per raggiungere la spiaggia dello Spolverino, dove li attendeva la rappresentazione di “Circe/Fango” di Margaret Atwood.
Dal 22 settembre all’1 ottobre si sono invece sperimentati nuovi modi di attraversare la natura con due sorprendenti passeggiate poetiche: una rappresentazione di “Se una notte d’inverno un viaggiatore” a Torre Bassa, con gli spettatori in cuffia che seguivano i due attori in diverse tappe, e “Riposare nella vastità”, passeggiata sensoriale del gruppo fiorentino Arcadia Ars In, con diversi partecipanti grossetani, che ha popolato di figure e storie fantastiche la Piana delle Caprarecce.

Per terminare con il laboratorio “Anatomia percettiva” all’ex cinema Onc di Alberese, aperto a tutti i cittadini, in cui si sono connesse le competenze artistiche della danza e le tecniche scientifiche dell’osteopatia, inaugurando un percorso di indagine tra arte e scienza che sarà proseguito nei prossimi anni.

Gli orari della mostra

DUNE 2023: In mostra Arti Pesaggi Utopie

Polo culturale Le Clarisse
7 dicembre 2023 – 7 gennaio 2024

Giovedì-venerdì: ore 10-13 e 17-20
Sabato-domenica: ore 10-13 e 16-19
Chiusura 25 dicembre e 1 gennaio

Ingresso gratuito

Informazioni: tel. 0564 488066/067
clarissearte@fondazionegrossetocultura.it

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati