«Aiuto, mi tengono chiusa a chiave in casa» - IL VIDEO Skip to content

«Aiuto, mi tengono chiusa a chiave in casa» – IL VIDEO

Orrore a Marina di Grosseto, intervengono i carabinieri e liberano un’anziana di 91 anni: ricoverata all’ospedale
L'anziana rinchiusa in casa @maremmaoggi
L’anziana rinchiusa in casa @maremmaoggi

MARINA DI GROSSETO. «Aiuto, mi tengono chiusa in casa. Il mangiare c’è ma comincia ad essere poco, io voglio uscire». Ha la voce che le trema: parla da dietro una persiana, con lo scuretto chiuso e prova più e più volte ad aprire la porta. La maniglia va su e giù, ma la porta non si apre. Dall’altra parte, sulla strada, una vicina che con il cellulare riprende il video appello di un’anziana di 91 anni. Tenuta rinchiusa in una delle tante seconde case della frazione balneare. 

L’intervento dei carabinieri

È mercoledì 31 agosto quando il video della donna arriva alla redazione di MaremmaOggi e contemporaneamente, vengono avvertiti i carabinieri della stazione di Marina di Grosseto. I militari arrivano all’indirizzo indicato e trovano l’anziana chiusa dentro all’abitazione ricavata in uno dei tanti garage dei quali è stata cambiata la destinazione d’uso.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da MaremmaOggi (@maremmaoggi)

 

Sta bene, per fortuna. Viene chiesto però l’intervento del 118 e, considerata l’età della donna, la novantunenne viene soccorsa e portata all’ospedale. 

È scossa, ma è in buona salute. I carabinieri cominciano a raccogliere i primi elementi per cercare di capire chi e anche perché, abbia rinchiuso l’anziana nel garage. Sarebbe stata una parente, per evitare che la novantunenne uscisse da casa e si allontanasse: una cautela, però, che all’anziana non andava bene. Come non le era andato giù il trasferimento dalla città a Marina di Grosseto. «Voglio tornare a casa mia», dice più volte la donna nel video, indicando l’indirizzo di un appartamento a Grosseto. 

I militari hanno avviato le indagini per ricostruire cosa sia successo e per valutare se siano stati commessi o meno reati da parte di chi si sarebbe dovuto prendere cura della donna. 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected