Addio Franco, in lutto la città e il mondo del calcio | MaremmaOggi Skip to content

Addio Franco, in lutto la città e il mondo del calcio

Franco Falconi era un dirigente della Nuova Grosseto Barbanella. Aveva 77 anni. Il ricordo commosso della società
Franco Falconi
Franco Falconi

GROSSETO. La città, e il mondo del calcio giovanile in particolare, sono in lutto per la scomparsa di Franco Falconi. Aveva 77 anni, se n’è andato domenica 13.

Franco era una colonna della Nuova Grosseto Barbanella. Era stato allenatore e dirigente.

«Ha allenato generazioni e generazioni di ragazzi – racconta il figlio Lorenzo -. Fin dagli anni ’70. E tutti lo ricordano per le sue doti umane. Questo mi stringe il cuore. È stato l’anima della società».

La società, che per oggi 14 novembre ha fermato l’attività per lutto, lo ricorda così: «Sei Pilastro e Storia di questa Società. Niente sarà più come prima. Grazie per tutto quello che hai fatto per noi. Non ti saremo mai grati abbastanza per i consigli, l’amore e la passione dimostrata in tutte questi anni».

«Continua a fare il tifo da lassù e veglia sulle nostre scelte e sul nostro cammino che ne abbiamo tanto bisogno. Buon viaggio Franco, amico fraterno, amico prezioso, padre, nonno e mister. Ci manchi, ti vogliamo infinitamente bene».

Ciao Franco, continua a tifare per noi da lassù

«Ciao Franco è stato bello averti conosciuto – scrive Gabriele – avrei voluto vederti lì seduto su quella poltrona dietro alla scrivania che prepari la lista dei giocatori anche questo sabato come facevi sempre!! Purtroppo non sarà più così perché la vita ha voluto farci questo sgarbo!! Rimarrai per sempre nel cuore di tutti noi!! Un abbraccio a Lorenzo e alla famiglia!! Tifa per i nostri ragazzi da lassù come facevi ogni volta!!!! Ti voglio e ti vogliamo bene la juniores Nuova Grosseto!!»

Franco lascia la moglie Grazia Parlanti, il figlio Lorenzo, la nuora Alessia Comandi, i nipoti Alessandro e Giulia.

I funerali sono in programma martedì 15 alle alle 10 nella cappella del cimitero di Sterpeto.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati