Addio Daniele, una vita con la divisa | MaremmaOggi Skip to content

Addio Daniele, una vita con la divisa

Sovrintendente capo della polizia, Tiezzi se n’è andato a soli 69 anni: il cordoglio degli ex colleghi e il ricordo di un uomo dal cuore grande
La questura di Grosseto e nel riquadro Daniele Tiezzi

GROSSETO. Un collega ben voluto, amato da tutti. Un capoturno affettuoso e presente, un agente leale. Daniele Tiezzi, nei ricordi dei suoi ex colleghi poliziotti, era soprattutto questo. 

E lo era anche fuori dalla questura, quando rincasava e trovava la moglie Mariagrazia e la figlia Eleonora

Giovedì 29 febbraio, la notizia della morte dell’ex sovrintendente capo della polizia di Grosseto è arrivata come un fulmine a ciel sereno in questura, dove in tanti conservano un loro ricordo speciale di Tiezzi. 

Il poliziotto con la passione per la natura

Il contatto con la natura, la caccia e la pesca, erano le sue grandissime passioni, una volta tolta la divisa da dosso. Passioni alle quali Tiezzi si è dedicato soprattutto da quando è andato in pensione 14 anni fa. 

Agente delle volanti negli anni Novanta, Tiezzi aveva lavorato a lungo all’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, uno degli uffici a più stretto contatto con gli utenti. E chiunque abbia avuto bisogno di una mano, quando era in servizio, sapeva che lì da lui, alla sua scrivania, l’avrebbe trovata. 

A piangerlo, oltre ai familiari, sono i tanti colleghi, ancora increduli dalla notizia della sua morte. 

I funerali di Tiezzi saranno celebrati venerdì 1 marzo 10.30 alla chiesa di Santa Lucia. 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati