31 donne vittime di violenza sull'Amiata nel 2023. Il progetto per aiutarle | Skip to content

31 donne vittime di violenza sull’Amiata nel 2023. Il progetto per aiutarle

“Libertà di essere donna. Donne in strada per contrastare la violenza” è un progetto nato dall’esperienza dell’associazione Olympia de Gouges di Grosseto con il centro antiviolenza Donna Amiata Val d’Orcia
31 donne vittima di violenza nel 2023 sull'Amiata, ecco il progetto per aiutarle
31 donne vittima di violenza nel 2023 sull’Amiata, ecco il progetto per aiutarle

MONTE AMIATA. “Libertà di essere donna. Donne in strada per contrastare la violenza” è un progetto nato dall’esperienza dell’associazione Olympia de Gouges  di Grosseto, soggetto attuatore e capofila, che ha voluto come partner, visto l’ambito territoriale dell’Amiata Senese e Grossetana, il centro antiviolenza Donna Amiata Val d’Orcia.

Il progetto che coprirà i comuni di  Arcidosso, Castel del Piano, Castell’Azzara, Roccalbegna, Santa Fiora, Seggiano e Semproniano per la provincia di Grosseto e Abbadia San Salvatore, Piancastagnaio, Radicofani, San Quirico d’Orcia e Castiglion d’Orcia per la provincia di Siena ha come obiettivi la prevenzione  e il contrasto di ogni forma di violenza fisica o psicologica mentale, dare impulso al potenziamento della rete a sostegno alle donne che vivono un’esperienza di violenza e, soprattutto, Implementare i servizi di ascolto raggiungendo anche le donne più “isolate” nel territorio.

31 le donne accolte sul monte Amiata perché vittima di violenza, 22 i minori

Sono state 31, nel 2023, le donne accolte sul monte Amiata, da Olympia de Gouges per la parte grossetana e da Donna Amiata Val d’Orcia per la parte senese. Oltre a loro sono stati accolti 22 figli minori.

Centro antiviolenza Donna Amiata Val d’Orcia

  • totale donne accolte 13
  • di cui italiane 10
  • di cui straniere  3
  • figli minori  5

Centro antiviolenza Olympia de Gouges – Punto di ascolto Amiata

  • totale donne accolte 18
  • di cui italiane 14
  • di cui straniere 4
  • figli minori  17

Tutti i partners del progetto

I partners del progetto, oltre a Donna Amiata Val D’Orcia, sono la Proloco di Arcidosso, l’associazione Ippogrifo di Semproniano e l’Odv Enea Garibaldini Volontari a cavallo unità operativa Country Paradise, mentre i sostenitori sono il Comune di Castel del Piano, il Comune Arcidosso, la Cantina Coop Vignaioli Morellino di Scansano, il centro promozione sociale Pace di Grosseto, il Comune di Roccalbegna, il Comune di Abbadia San Salvatore, l’associazione Raccontincontri di Grosseto, il Comune di Castiglion D’Orcia, Giorgio Pellegrini srl di Grosseto, il Caseificio il Fiorino di Roccalbegna, Corsini di Castel del Piano, Talenti Tintinnanti di Castiglion d’Orcia, il Comune di Semproniano e il Comune di Seggiano.

Il progetto è finanziato dal ministero dei Lavori e delle Politiche Sociali e dalla Regione Toscana.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati