Un "Tonchi" De Oro per il Cp Grosseto | MaremmaOggi Skip to content

Un “Tonchi” De Oro per il Cp Grosseto

Colpo di mercato dell’Edilfox: il fantasista ha giocato le ultime stagioni nel Valdagno
Gaston “Tonchi” De Oro mentre firma il contratto

GROSSETO. È il fantasista Gaston “Tonchi” De Oro il rinforzo in casa Cp Grosseto. Da settimane ormai l’arrivo dell’italo-argentino era dato per certo e con la firma del contratto ora è diventato ufficiale.

Un acquisto che porta in Maremma un giocatore di livello assoluto, diventato di scuola italiana da dieci anni dopo aver indossato la maglia dell’Italia agli Europei 2012 e ai Mondiali 2013 in Angola, convocato dall’ora Ct Massimo Mariotti.

Gaston “Tonchi” De Oro, 35 anni, originario di San Juan, in Argentina, ha giocato nelle ultime stagioni a Valdagno. L’esperto attaccante va a rinforzare la squadra di Michele Achilli, che nella passata stagione ha chiuso al settimo posto, dopo aver conquistato il pass per le Finals di Coppa Italia, aver battuto il Sarzana nel primo turno dei playoff, prima di uscire a testa alta nei quarti di finale con il Lodi.

«Abbiamo scelto Gaston De Oro – ha detto Stefano Osti, presidente del Cp Grosseto – per fare un ulteriore salto di qualità. Abbiamo tesserato un giocatore d’esperienza, già nazionale azzurro, che rientra nelle nuove regole federali che obbligano le società ad avere il 70% del roster di ogni gara di italiani o di formazione italiana. De Oro – prosegue il presidente – ci permette di tenere alta la qualità della squadra, con giocatori di alto livello. Vogliamo migliorarci ancora.  Quest’anno abbiamo fatto una bella stagione, ma non è mai facile ripetersi. E per farlo dobbiamo migliorare. “Tonchi” sembra il giocatore che fa al caso nostro».

La storia del soprannome “Tonchi”

Gaston De Oro, per tutti “Tonchi”. «È stata mia sorella a darmelo – racconta De Oro – che non riusciva a dire Gaston, ma solo Ton, e così è nato questo soprannome», ha messo i pattini per la prima volta a tre anni e la sua carriera si è sviluppata con la maglia dell’Olimpia Patin Club.

Nel 2007 è approdato per la prima volta in Italia, a Trissino. Nel suo curriculum ci sono tante squadre di A1: Breganze, Valdagno (con la vittoria dello scudetto e della Supercoppa), Bassano, altre tre stagioni a Breganze (con la Coppa Italia e la Supercoppa); due campionati a Forte dei Marmi (Supercoppa e Coppa Italia), prima di tornare per quattro stagioni a Valdagno.

De Oro in azione con la maglia del Valdagno

Dopo quattro anni in Veneto, e dove ha iniziato a lavorare con “La griglia del Tonchi”, la decisione di spostare l’attività in Maremma.

«Ho sposato il progetto del Circolo Pattinatori – aggiunge il neo attaccante biancorosso – perché avevo voglia di cambiare aria, di provare un nuovo clima. A livello sportivo poi, Grosseto sta facendo bene ogni anno, è in costante crescita. So cosa posso dare per aiutare Grosseto a continuare a migliorare. Il fatto di aver confermato la rosa dell’anno scorso fa risparmiare tempo per arrivare ai migliori risultati».

Il Circolo Pattinatori chiede a Gaston De Oro di aiutare la squadra ad essere spietata, a finalizzare le tante occasioni create. De Oro chiude descrivendosi: «Mi considero un giocatore versatile. Sono un attaccante, un’ala e gioco ogni pallina come fosse l’ultima».

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected