Marco, il maremmano che vola sulle moto da cross | MaremmaOggi Skip to content

Marco, il maremmano che vola sulle moto da cross

Il giovane grossetano ha dominato il campionato Toscano Fmi Mx2, ad ogni caduta è seguita una rimonta
Marco Giannini durante una gara di motocross
Marco Giannini durante una gara di motocross

GROSSETO.  Ha letteralmente dominato il campionato Toscano Fmi Mx2 di motocross il giovane grossetano Marco Giannini.

Una superiorità schiacciante, dove ha praticamente annichilito gli avversari, lasciandogli le briciole. Nelle sei gare a cui ha partecipato, Giannini ha vinto 10 manche su dodici, piazzandosi una volta al secondo posto e una al terzo. Ma dopo essere stato scaraventato a terra, rimontando praticamente dalle retrovie.

Un successo dietro l’altro

Giannini ha solo 23 anni e fin da bambino aveva la passione per le moto, anche se il motocross è entrato a far parte della sua vita solo da pochi anni.

«Si, ho iniziato a correre solo quando ho compiuto 18 anni – racconta Giannini – ed è stato subito amore a prima vista. Quest’anno ho corso nella classe 250, e i successi sono stati tanti. Le prove sono sempre molto impegnative con i circuiti sparsi dalla Toscana. Da Ponte a Egola a Miravalle fino a Montevarchi, dove c’è stata la premiazione finale. Poi c’è stata Chiusdino, ma anche in Umbria a Castiglione del Lago e Città di Castello – prosegue – Ogni gara prevede due manche e chi ha i migliori piazzamenti vince la tappa».

Per Marco è stata una stagione incredibile, visto che ha dominato ovunque: «Che dire – sottolinea Giannini – ho un bel feeling con la moto e mi piacciono tutti i circuiti. A dire la verità preferisco correre sul fango, ma alla fine ogni manche è una battaglia contro gli avversari, in genere a sfidarci siamo circa 30, ben distribuiti fra toscani e umbri».

Marco Giannini sul podio

Come è nata la passione per la moto

«Io faccio questo sport perché mi piace e mi diverto tantissimo – racconta ancora il 23enne – anche se i sacrifici non mancano davvero. Un grandissimo ringraziamento va al mio meccanico, Fabio Gazzarri dell’officina “Gazza Moto” di Siena. Oltre ad essere un mio amico – specifica – mi segue fin dall’inizio. Molto conta il supporto della mia famiglia, babbo Riccardo e mamma Antonella».

Gli obbiettivi di Giannini sono quelli di migliorarsi e magari di avere qualche sponsor che l’aiuti nelle spese della stagione.

«Purtroppo il motocross è uno sport che ha poca visibilità – dice ancora Giannini – e per arrivare davvero in alto serve costanza e un aiuto economico. Per ora va bene così e nella prossima stagione che inizierà a cavallo di marco-aprile correrò ancora in 250 ma nella categoria Rider».

Chissà se, con la vittoria del campionato Toscano, per Marco Giannini possano aprirsi nuove prospettive.

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected