Barbanella si accende con la Festa di Santa Lucia | MaremmaOggi Skip to content

Barbanella si accende con la Festa di Santa Lucia

Stand gastronomici, musica con band provenienti da tutta Italia e meditazioni guidate dai frati: il quartiere si ritrova per una settimana di festeggiamenti
Festa di Santa Lucia
La Festa di Santa Lucia

GROSSETO. È un appuntamento fisso del settembre grossetano. E finalmente, dopo due anni di stop dettati dalla pandemia, torna la Festa di Santa Lucia, giunta alla cinquantaquattresima edizione.  

Un intero quartiere in festa

A testimonianza del fertile seme che più di mezzo secolo fa, ormai, i frati cappuccini lasciarono lungo le strade del quartiere di Barbanella, la Festa di Santa Lucia ha da sempre rappresentato per la comunità cristiana e anche per tutto il contesto civile, un’occasione unica per abitare le strade e trasformarle in luoghi di incontri e di convivialità.

«Il tratto che ha sempre distinto la festa è stato – e tale rimane – quello di abbattere gli innaturali confini tra “religioso” e “civile” – dicono alla parrocchia di Santa Lucia –  per ritrovare in quel parco del quartiere di Barbanella il luogo per incontrarsi, trascorrere insieme il tempo, riflettere, divertirsi, condividere una buona cena insieme; insomma, un luogo per intessere relazioni e cercare di abbattere muri e pregiudizi. È questo il senso dell’immagine consegnataci tanti anni fa, il “fare festa per fare festa”, senza secondi fini che non siano quelli della convivialità e dello stare insieme».

Il programma della festa

Quest’anno i festeggiamenti prenderanno il via venerdì 9 settembre alle 21 con la processione per le vie di Barbanella, presieduta dal vescovo Giovanni Roncari e accompagnata anche dalla filarmonica cittadina.

A partire dal giorno successivo, sabato 10 settembre e fino a domenica 18 settembre poi, apriranno gli stand gastronomici (ristorante e bar) ogni sera (e per le due domeniche anche all’ora di pranzo), oltre a spazi espositivi vari e alla fiera di beneficenza; tutte le sere, poi, sarà possibile giocare a tombola.

Inoltre, ogni sera sul palco si esibiranno, alle 21.30, band del territorio ma anche nazionali che offriranno spettacoli musicali con cover di gruppi e cantautori italiani e stranieri. Infine, il 18 settembre nel pomeriggio, tornerà la 35esima edizione del Festival Canoro Baby, dove l’unica vittoria dei bambini che vorranno prendere parte, sarà quella di partecipare, lasciandoci in premio la loro esibizione. Tutti gli spettacoli saranno, come al solito, a ingresso libero.

Tutte le sere è previsto poi un momento di meditazione durante la messa curato, dall’11 al 14 settembre, da padre Carlo Poloni, frate cappuccino e assistente nazionale Ofs, al quale seguirà, dal  14 al 16,  la riflessione offerta da frate Luca Bruno, giovane frate cappuccino che riceverà la domenica successiva alla festa, proprio in parrocchia, l’ordinazione diaconale.  Infine, il 14 settembre, verrà celebrata la messa per le persone anziane e le persone ammalate, e verrà loro impartito il sacramento dell’Unzione.

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected