2 tonnellate di rifiuti raccolti nei porti maremmani | MaremmaOggi Skip to content

2 tonnellate di rifiuti raccolti nei porti maremmani

È il grande lavoro svolto dai cestini Seabin, che da settembre saranno affiancati da un nuovo dispositivo mangia plastica
Un seabin in azione

GROSSETO. Un gran lavoro quello che hanno fatto in questi ultimi anni Seabin, i cesti cesti che recuperano i rifiuti a pelo d’acqua.

Posizionato nei punti dove si concentrano i detriti galleggianti riesce a catturarli grazie a una pompa che filtra circa 25.000 litri di acqua ogni ora.

Un cestino mangia plastica come il Seabin è capace di raccogliere fino a 500 kg di rifiuti in un anno, comprese plastiche, microplastiche e microfibre, lavora 24 ore su 24, sette giorni su sette, e necessita di interventi di svuotamento e pulizia periodici.

Grazie alla campagna “Un mare di idee per le nostre acque” lanciata due anni fa da Coop e Lifegate in difesa di mari, laghi e fiumi, Coop ha contribuito all’istallazione e adozione di 46 Seabin in tutta Italia.

I Seabin sulla costa Maremma 

Nei territori toscani in cui è presente Unicoop Tirreno i Seabin sono tre e si trovano a:

  • Castiglione della Pescaia (darsena del Circolo Velico, dal 28 agosto 2020),
  • Porto Ercole – GR (Marina dei Presidi, dal 11 ottobre 2021).
seabin Castiglione della Pescaia
L’inaugurazione del Seabin a Castiglione della Pescaia

Dal momento dell’inaugurazione fino al 30 giugno 2022, i Seabin hanno tirato su 2.097 Kg di rifiuti, pari al peso di 139.800 bottigliette di plastica da mezzo litro.

Il materiale raccolto

Il 70% dei rifiuti raccolti è composto da materiali dannosi per l’ambiente come plastiche, microplastiche, materiali metallici (latte, lattine), mozziconi di sigarette e assorbenti igienici.

Il 20% da massa organica umida (legno, foglie, rami, alghe) contaminata da frammenti di plastica e polistirolo intrappolati, soprattutto tra le alghe. Per il restante 10%, i rifiuti raccolti sono composti da materiale organico umido non contaminato.

Il Pixie Drone

L’edizione 2022 di “Un mare di idee per le nostre acque” porterà un nuovo dispositivo in aiuto al Seabin: il Pixie Drone, un dispositivo galleggiante in grado di muoversi sulla superficie dell’acqua per catturare anche i rifiuti più lontani e che ha già fatto il suo debutto a Genova. 

In Toscana è atteso nel prossimo autunno alla darsena di Castiglione della Pescaia.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati